Notiziario

Per consultare tutti i numeri pubblicati visitare l'archivio

Good News Agency

Nonostante tutto, una cultura di pace sta emergendo in tutti i campi dello sforzo umano

mensile, anno XX, numero 293 – 30 settembre 2020

 

Good News Agency - l’agenzia delle buone notizie - riporta notizie positive e costruttive da tutto il mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni non-governative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita, notizie che non si “bruciano” nell’arco di un giorno. È distribuita gratuitamente per via telematica nel mondo a media e giornalisti di redazione, ONG e associazioni di servizio, scuole superiori e università. È un servizio di volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, ente morale educativo associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle Nazioni Unite. Sostiene il Movimento Globale per la Cultura di Pace. Nel rapporto conclusivo sul progetto del Decennio per una Cultura di Pace (2001-2010) consegnato al Segretario-Generale ONU per la presentazione all'Assemblea Generale), Good News Agency è inclusa tra le tre ONG che svolgono un ruolo importante nel campo della informazione per la promozione di una cultura di pace tramite Internet.*

 

Sommario

Legislazione internazionaleDiritti umaniEconomia e sviluppoSolidarietà

Pace e sicurezzaSaluteEnergia e sicurezzaAmbiente e natura

Religione e spiritualitàCultura e educazione

 

Legislazione internazionale
(top)

 

Nazioni Unite - Assemblea Generale - Settantaquattresima sessione - Punto 12 dell'ordine del giorno - Migliorare la sicurezza stradale mondiale

18 agosto 2020 - L'Assemblea Generale (...)

1.         Ribadisce il suo invito agli Stati membri e alla comunità internazionale a intensificare la collaborazione nazionale, regionale e internazionale, al fine di raggiungere gli ambiziosi obiettivi relativi alla sicurezza stradale nell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile; (...)

3.         Proclama il periodo 2021-2030 come il secondo decennio di azione per la sicurezza stradale, con l'obiettivo di ridurre le morti e i feriti dovuti al traffico stradale di almeno il 50% dal 2021 al 2030, e a questo proposito invita gli Stati membri a proseguire l'azione fino al 2030 su tutti gli obiettivi relativi alla sicurezza stradale degli obiettivi di sviluppo sostenibile (...)

9.         Incoraggia gli Stati membri a compiere sforzi per garantire la sicurezza e la protezione di tutti gli utenti della strada attraverso infrastrutture stradali più sicure, tenendo conto delle esigenze del trasporto motorizzato e non e di altri utenti della strada vulnerabili

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N20/213/49/pdf/N2021349.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Partnership per gli Obiettivi

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Settantaquattresima sessione - Punti 14 e 117 dell'ordine del giorno - Revisione dell'attuazione della risoluzione 67/290 dell'Assemblea generale sul forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile, risoluzione 70/299 sul follow-up e riesame dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile a livello globale e risoluzione 72/305 sul rafforzamento del Consiglio Economico e Sociale.

17 agosto 2020 - L'Assemblea Generale (...)

2.         Riconosce il ruolo che la Carta delle Nazioni Unite e l'Assemblea generale hanno conferito al Consiglio economico e sociale quale organo principale di coordinamento, dialogo, revisione delle politiche e raccomandazioni su questioni di sviluppo economico e sociale, nonché (…) nel supervisionare il seguito e la revisione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile a livello mondiale, lavorando in modo coerente con l'Assemblea, il Consiglio e altri organi e forum pertinenti, in conformità con i mandati esistenti; (...)

3.         Decide inoltre che il fulcro tematico del Consiglio economico e sociale per la sua sessione 2021 e del forum politico ad alto livello 2021 sullo sviluppo sostenibile convocato sotto gli auspici del Consiglio sarà “recupero sostenibile e resiliente dalla pandemia COVID-19 in grado promuove la dimensione economica, sociale e ambientale dello sviluppo sostenibile: costruire un percorso inclusivo ed efficace per il raggiungimento dell'Agenda 2030 nel contesto del decennio di azione e di attuazione dello sviluppo sostenibile” (...)

5.         Decide che la revisione terrà conto dell'impatto diverso e particolare della pandemia COVID-19 su tutti gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, considererà i progressi nell'attuazione dell'Agenda 2030 nella sua interezza e affronterà le interconnessioni tra gli Obiettivi (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N20/212/84/pdf/N2021284.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Partnership per gli Obiettivi

 

Nazioni Unite - Consiglio economico e sociale - UNICEF - Comitato esecutivo - Seconda sessione ordinaria 2020

6 agosto 2020 - (…) Questo rapporto fornisce una panoramica generale della situazione attuale, delle tendenze in materia di risorse e delle prospettive di finanziamento dell'UNICEF, tenendo conto sia delle risorse regolari che delle altre risorse. Il rapporto propone inoltre gli elementi di una decisione all’esame del Comitato esecutivo. (...)

81. L'UNICEF ringrazia con profondo apprezzamento i suoi partner finanziari per il reddito generato in favore dei bambini nel 2019. L'UNICEF cerca in particolare il sostegno dei suoi partner nella risposta immediata e a lungo termine alla pandemia COVID-19, nonché nell'affrontare le lacune e le battute d'arresto che ne derivano nello sviluppo regolare e nella programmazione umanitaria. I passi avanti nello sviluppo di quest'ultimo decennio rischiano di azzerarsi. È quindi imperativo che l'UNICEF continui a sostenere la necessità di finanziamenti flessibili per consentire a tutti i bambini, specialmente i più vulnerabili, di esercitare i propri diritti.

82. L'UNICEF attende con interesse le consultazioni annuali con i partner, compresi gli Stati membri, i comitati nazionali, la società civile e il settore privato, e continuerà a lavorare con essi per definire ulteriormente l'approccio al dialogo strutturato sul finanziamento dei risultati del Piano strategico insieme agli altri organismi delle Nazioni Unite, in particolare a sostegno degli sforzi di riforma del Segretario generale. (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/LTD/N20/206/05/pdf/N2020605.pdf?OpenElement

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Consiglio per i diritti umani - Quarantacinquesima sessione - Punto 3 dell'ordine del giorno - Impatto della pandemia del coronavirus sulle forme contemporanee di schiavitù e pratiche simili alla schiavitù

4 agosto 2020 - (...) Il presente rapporto contiene un’analisi e delle riflessioni relative alle ripercussioni della malattia da coronavirus (COVID-19) sulle forme contemporanee di schiavitù e pratiche simili alla schiavitù, nonché delle raccomandazioni su come le varie parti potrebbero mitigare l'impatto della pandemia. Contiene anche una panoramica dei metodi di lavoro che il nuovo Relatore Speciale sulle forme contemporanee di schiavitù, comprese le sue cause e conseguenze, intende attuare e promuovere durante il suo mandato. (...)

A. Conclusioni

86. Gli Stati sono lenti nell'adempiere ai loro obblighi contro la schiavitù e nel rispetto degli impegni globali assunti per raggiungere l'obiettivo 8.7 degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per porre fine alla schiavitù moderna e sradicare il lavoro forzato entro il 2030 e per porre fine al lavoro minorile in tutte le sue forme entro il 2025. È probabile che il COVID-19 arresti ulteriormente questo processo e azzeri i progressi già compiuti se gli Stati non saranno in grado di attuare misure ferme e concrete per accelerare i loro sforzi contro la schiavitù senza ulteriori ritardi. Gli impatti socioeconomici della pandemia hanno già messo in luce le lacune nelle risposte nazionali alle forme contemporanee di schiavitù, provocando un ulteriore deterioramento delle situazioni precarie delle vittime, dei sopravvissuti e di coloro che rischiano di essere sottoposti a tali pratiche. Alla luce di ciò l’inazione è inconcepibile.

87. Il Relatore Speciale riconosce le immense sfide affrontate dagli Stati e gli sforzi che sono stati compiuti per rispondere alle multiformi e complesse ripercussioni della pandemia. Tuttavia, esiste una stretta interconnessione tra i crescenti livelli di povertà, i tassi di disoccupazione senza precedenti e le crescenti disuguaglianze e la vulnerabilità allo sfruttamento e agli abusi. È della massima importanza che gli Stati mettano in atto misure adeguate ora per mitigare i rischi crescenti delle forme contemporanee di schiavitù a lungo termine. (...)

B. Raccomandazioni

1. Accesso alla giustizia e mezzi di ricorso (...)

2. Maggiore sostegno alle organizzazioni della società civile e ai fornitori di servizi governativi (...)

3. Misure più ampie per mitigare gli effetti del COVID-19 (...)

4. Rispetto e applicazione delle leggi sul lavoro

5. Solidarietà e cooperazione internazionale

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/G20/201/21/pdf/G2020121.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 10 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Ridurre le disuguaglianze

 

 

Diritti umani

(top)

 

La Festa del Lavoro di quest’anno è dedicata ai lavoratori essenziali e ricorda coloro che sono morti

(di Amy Goodman)

5 settembre 2020 - Dalle finestre e dai tetti durante i primi mesi della pandemia COVID-19, milioni di persone in tutto il mondo hanno applaudito i lavoratori impiegati in posti essenziali, che ogni giorno rischiavano di contrarre questa malattia altamente contagiosa. Addetti di custodia, lavoratori dei negozi di generi alimentari, autisti, magazzinieri, corrieri, addetti alle consegne di cibo, insegnanti e lavoratori dei trasporti, nonché medici, infermieri e personale ospedaliero che si prende cura dei pazienti, sono diventati tutti eroi durante la peggiore pandemia che ha colpito il pianeta in questo secolo. Migliaia di questi lavoratori in prima linea sono morti, mentre celebriamo la festa del lavoro, tradizionalmente caratterizzata da grigliate in luoghi di villeggiatura prima del ritorno a scuola, dovremmo onorare la memoria di questi eroi caduti attuando tutte le disposizioni per limitare il contagio, come indossare la mascherina e mantenere il distanziamento sociale, per riuscire a bloccare la pandemia negli Stati Uniti.

https://www.pressenza.com/2020/09/this-labor-day-honor-essential-workers-and-remember-those-who-died//

 

Qatar, due piccoli passi avanti nella tutela dei diritti dei lavoratori migranti

(di Riccardo Noury)

5 settembre 2020 – Due misure annunciate nell’ottobre 2019 dalle autorità del Qatar sono entrate in vigore il 30 agosto con l’obiettivo di migliorare, se pienamente attuate, i diritti e le condizioni di vita dei lavoratori migranti, massicciamente presenti nell'emirato del Golfo. La prima misura abolisce il "certificato di non obiezione" del datore di lavoro; ai lavoratori migranti è consentito quindi cambiare lavoro senza il consenso del datore di lavoro, è sufficiente dare un mese di preavviso nel caso di un rapporto di lavoro di meno di due anni o due mesi di preavviso nel caso di un rapporto di lunga durata. La procedura sarà gestita direttamente dal Ministero del Lavoro. La seconda introduce il salario minimo di 1.000 rial qatarini (circa 230 euro) al mese, più 300 rial in sussidi alimentari e 500 rial per l'alloggio se non fornito dal datore di lavoro. Il precedente salario minimo, introdotto da una legge del 2017, era di 750 rial, anche se alcuni gruppi di lavoratori avevano ottenuto salari più alti attraverso accordi bilaterali per nazionalità: 900 rial per i nepalesi e 1.400 rial per i filippini.

https://www.pressenza.com/2020/09/qatar-two-small-steps-forward-in-protecting-the-rights-of-migrant-workers//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 10 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Ridurre le disuguaglianze

 

I diritti umani devono essere al centro del primo vertice mondiale delle banche di sviluppo pubblico

4 settembre 2020 - In occasione del primo vertice mondiale delle banche pubbliche di sviluppo (PDB), la FIDH e oltre 200 organizzazioni locali e internazionali inviano una lettera aperta al Direttore generale dell'Agenzia francese per lo sviluppo (AFD). Il vertice è estremamente pertinente e tempestivo, ma per un dialogo veramente completo e inclusivo, dovrebbe trarre insegnamenti dal passato per plasmare il futuro al meglio con la piena partecipazione delle comunità interessate dai progetti del PDB e sostenere le organizzazioni della società civile. In molti casi, le attività sostenute dal PDB hanno esacerbato la povertà e la disuguaglianza e le violazioni dei diritti umani, come le rappresaglie contro i difensori dei diritti umani e gli sgomberi forzati, senza un risarcimento significativo per le comunità colpite. Il vertice dovrebbe includere la riflessione e la discussione sull'importanza del rispetto degli standard internazionali sui diritti umani nel raggiungimento degli obiettivi di ripresa sostenibile, compreso affrontare le violazioni dei diritti umani ampiamente documentate negli investimenti e nei progetti sostenuti dal PDB. Il vertice dovrebbe contrastare gli investimenti da parte dei PDB privi di standard solidi per i diritti umani, la protezione sociale e ambientale, i cambiamenti climatici e la lotta alla corruzione, o, dove esistono tali standard, come riuscire a metterli in pratica al meglio.

https://www.fidh.org/en/international-advocacy/other-regional-organisations/human-rights-must-be-at-the-heart-of-the-first-world-summit-of-public/ 

 

25 anni dopo la Conferenza delle donne di Pechino, il significato "intatto"

4 settembre 2020 - Esattamente 25 anni dopo la storica conferenza mondiale di Pechino sul progresso e l'uguaglianza delle donne, venerdì il capo dell'agenzia ONU per l'emancipazione di genere ha dichiarato che "il suo significato è rimasto immutato". Ripensando alla quarta conferenza mondiale sulle donne nella capitale cinese, Phumzile Mlambo-Ngcuka, direttore esecutivo delle donne delle Nazioni Unite, ha dichiarato in una dichiarazione che "abbiamo visto crescere la forza e l'impatto dell'attivismo collettivo e ci è stata ricordata l'importanza del multilateralismo e della partnership per trovare soluzioni comuni a problemi condivisi.”

https://news.un.org/en/story/2020/09/1071722// 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

Storie di importanti donne sudafricane capaci di cose straordinarie

4 settembre 2020 - Il 9 agosto 1956, 20.000 donne di tutte le razze hanno marciato per le strade di Pretoria, in Sud Africa, sfidando l'apartheid. Stavano fuori dagli Union Buildings, la sede del governo, protestando contro l'apartheid e cantando: "Colpisci una donna, colpisci una roccia". La marcia delle donne ha scosso il Sudafrica in un momento in cui le azioni delle donne contro l'apartheid erano in gran parte trascurate. Per ricordare il coraggio delle donne, dal 1995 ogni mese di agosto è stato celebrato il mese delle donne nel paese. Per le donne di colore del Sud Africa in particolare, la lotta per l'uguaglianza si è estesa ben oltre la fine dell'apartheid negli anni '90. Cosa significa il Mese delle Donne per le donne che non solo hanno combattuto contro l'apartheid, ma per i loro diritti di donne e lesbiche? Mentre agosto volge al termine, Philippa Stewart ha parlato con Phumi Mtetwa e Beverly Ditsie, due donne in prima linea nel movimento lesbico, gay, bisessuale e transgender (LGBT) in Sud Africa.

https://www.pressenza.com/2020/09/stories-of-south-africas-powerful-women-doing-extraordinary-things// 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

 

Economia e sviluppo

(top)

 

Cincinnati- Fifth Third Bank aderisce alla HBCU Partnership Challenge

3 settembre 2020 – L'associazione nazionale della Fifth Third Bank ha annunciato oggi di aver aderito alla Historically Black Colleges and Universities (HBCU) Partnership Challenge (sfida di partnership delle università storicamente afroamericane).Questa iniziativa bilaterale rafforzerà gli investimenti pubblici e privati nelle università afroamericane per assicurare la loro futura sostenibilità, migliorare le prospettive di carriera dei loro studenti e promuovere diversità e inclusione all'interno di tutti i settori lavorativi. Nel 2017 la Fifth Third ha lanciato un programma di reclutamento multiculturale per college e università come parte del suo Impegno Comunitario da $32 miliardi. Con questo programma si vogliono stabilire relazioni con college e università per reclutare, ingaggiare e trattenere gli studenti migliori e più brillanti. Questo programma servirà ad approfondire le relazioni tra la Banca e i college tradizionali, in particolar modo quelli afroamericani, per rafforzare il flusso di diversi talenti tramite stage ed opportunità di lavoro a lungo termine attraverso programmi di leadership. Dall'avvio del programma, studenti neri sono stati reclutati dalle seguenti HBCU: Central State University, Florida A&M University, Johnson C. Smith University, Clark Atlanta University, North Carolina A&T, Tennessee State University, Spelman College e Morehouse College.

https://www.csrwire.com/press_releases/45694-Fifth-Third-Bank-Joins-HBCU-Partnership-Challenge?tracking_source=rss

 

New York – “Spence-Chapin Services to Families and Children” completa il primo di quattro parchi giochi per gli orfanotrofi di Johannesburg, in Sudafrica, come parte dell'iniziativa “Project Play”

3 settembre 2020- Nel 2019, l'agenzia americana di adozioni “Spence-Chapin Services to Families and Children” ha lanciato Project Play (progetto gioco)in collaborazione con Jo’burg Child Welfare (JCW) come parte del suo progetto di espansione “Granny Program” di cui beneficeranno più di 200 bambini ospitati in quattro orfanotrofi di Johannesburg, in Sudafrica. Project Play fornirà a questi quattro orfanotrofi dei parchi giochi con attrezzature e postazioni all'avanguardia. Il primo dei quattro parchi giochi previsti da Project Play è stato completato ad agosto 2020 all'Othandweni Family Care Centre di Soweto, Johannesburg, che ospita 90 bambini, la maggioranza dei quali sotto i 12 anni. Mentre la pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto incredibile a livello globale con conseguenze pesanti soprattutto sulle popolazioni già vulnerabili, Spence-Chapin si è posto come priorità continuare a servire i bambini, le donne e le famiglie che confidano nei suoi servizi e nei suoi programmi. Lavorando a stretto contatto con i partner locali, Spence-Chapin è riuscito a portare avanti l'iniziativa the Project Play, parte dell'espansione “Granny Program” nonostante la pandemia, garantendo comunque la salute e la sicurezza delle persone coinvolte. Project Play è stato lanciato in concomitanza con l'espansione del “South Africa Granny Program” di Spence-Chapin, che prevede di abbinare caregiver volontari provenienti dalla comunità locale ai bambini degli orfanotrofi, per fornire loro attenzione e cura costanti in un rapporto uno a uno, aiutandoli così a crescere e a creare legami di attaccamento sicuri. Dall'inizio dell'espansione nell'estate del 2019 il numero dei bambini interessati è aumentato da 30 a 108, con 40 nuove “Grannies” (nonne).

https://www.csrwire.com/press_releases/45689-Spence-Chapin-Services-to-Families-and-Children-Completes-First-of-Four-Playgrounds-for-Orphanages-in-Johannesburg-South-Africa-As-Part-of-Project-Play-Initiative?tracking_source=rss

 

COVID-19, telefoni cellulari per aiutare 1,7 milioni di piccoli agricoltori ad aumentare la produzione durante il rallentamento economico

17 agosto 2020, Roma – Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) ha annunciato oggi che circa 1,7 milioni di piccoli agricoltori di Kenya, Nigeria e Pakistan riceveranno presto consigli agricoli personalizzati sui loro cellulari con l'obiettivo di migliorare i loro redditi, la sicurezza alimentare e la resilienza agli shock economici causati dal COVID-19. Questa iniziativa innovativa, una delle 11 proposte che riceveranno un finanziamento iniziale dal Rural Poor Stimulus Facility (RPSF) di IFAD, è il risultato di una nuova partnership tra IFAD e Precision Agriculture for Development (PAD), un'organizzazione globale no-profit co-fondata dell'economista vincitore del premio Nobel Michael Kremer. Utilizzando la tecnologia dei telefoni cellulari, gli agricoltori riceveranno una consulenza personalizzata a basso costo per migliorare le pratiche in azienda, l'utilizzo degli input, la gestione di parassiti e malattie, la sostenibilità ambientale e l'accesso ai mercati. L'RPSF dell'IFAD, lanciato di recente dagli ambasciatori di buona volontà delle Nazioni Unite dell'IFAD, l'attore e umanitario Idris Elba e la modella e attivista Sabrina Dhowre Elba, mira a mitigare gli effetti della pandemia COVID-19 sui mezzi di sussistenza e sulla sicurezza alimentare dei poveri delle zone rurali. Il finanziamento di queste prime 11 iniziative, pari a 11,2 milioni di dollari dalla RPSF più 5,2 milioni di dollari in cofinanziamento principalmente dai governi e dai partner attuatori, andrà a beneficio di circa 6,7 milioni di piccoli agricoltori nei Paesi in via di sviluppo.

https://www.ifad.org/en/web/latest/news-detail/asset/42041237

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 8 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Lavoro dignitoso e Crescita economica

 

GSMA e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite accelerano l'uso dei servizi finanziari mobili per l'assistenza umanitaria

7 agosto 2020, Londra - Il GSMA e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) stanno ampliando la loro alleanza per aiutare le persone più vulnerabili del mondo. Attraverso il Programma GSMA Servizi Mobili per l’Innovazione Umanitaria, finanziato dal 2017 dal Dipartimento Britannico per lo Sviluppo Internazionale (DFID), questa collaborazione triennale si concentrerà principalmente sull'uso del denaro mobile per fornire assistenza digitale tramite trasferimenti di denaro, per salvare vite umane nelle emergenze globali, comprese le pandemie e i disastri naturali. Oltre a essere veloce ed efficiente, l'assistenza digitale offre maggiore sicurezza, tracciabilità, trasparenza e, quindi, responsabilità. Permette anche di aumentare l'inclusione finanziaria offrendo alle persone vulnerabili l'accesso a una gamma di servizi finanziari digitali e scelte più flessibili su come spendere la propria assistenza; il che può, a sua volta, dare una spinta alle imprese locali. Nel 2020, l’alleanza punta a utilizzare la tecnologia mobile per fornire un'assistenza di grande impatto, collaborando con le autorità di regolamentazione e gli operatori di rete mobile locali nei paesi chiave.

https://www.wfp.org/news/gsma-and-un-world-food-programme-accelerate-use-mobile-financial-services-humanitarian

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 8 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Lavoro dignitoso e Crescita economica

 

I lavoratori occasionali del Bangladesh beneficeranno di un programma di assicurazione contro le inondazioni avviato recentemente

3 agosto 2020, Dhaka - Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), Oxfam Bangladesh e Green Delta Insurance Company Ltd. il 1° luglio hanno avviato un nuovo regime assicurativo per proteggere i lavoratori agricoli occasionali del Bangladesh da inondazioni catastrofiche durante la stagione dei monsoni di quest'anno. L'alluvione attualmente in corso ha colpito più di 1 milione di persone nell'Asia meridionale questo mese. Riconoscendo il valore dei salari persi a causa dei disastri durante il periodo dei monsoni, dall'inizio di luglio a fine settembre 2020, il regime assicurativo sosterrà 2000 lavoratori occasionali impegnati nel lavoro agricolo. Sulla base dei parametri fissati dall'indice delle alluvioni, ogni famiglia riceverà un risarcimento compreso tra 2.700 e 18.000 BDT per coprire le perdite salariali causate dalle gravi inondazioni. Sviluppata con i finanziamenti della Korea International Cooperation Agency (KOICA), l'obiettivo generale di tale soluzione di trasferimento del rischio è migliorare le capacità delle famiglie e delle comunità di assorbire gli shock climatici, migliorare la loro capacità di ridurre e gestire i rischi e mantenere la sicurezza alimentare. Il prodotto è stato sviluppato sulla base di un'analisi di oltre 19 anni di dati satellitari e convalidato dai dati sul livello dell'acqua e delle precipitazioni. Il pagamento sarà effettuato sulla base di predefiniti parametri indicizzati di alluvione, ad esempio l'area allagata come percentuale dell'area geografica totale e la durata delle alluvioni. Green Delta Insurance Ltd. coprirà il rischio in qualità di assicuratore.   

https://www.wfp.org/news/casual-labourers-bangladesh-benefit-newly-launched-flood-insurance-scheme

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 8 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Lavoro dignitoso e Crescita economica

 

 

Solidarietà

(top)

 

Festival della Resilienza, per affrontare meglio il presente e il futuro

(di Adriana Masotti)

8 Settembre 2020 - Primo appuntamento stasera con il Festival della Resilienza. Autori, libri e incontri per resistere e ripartire. Organizzato in due città, Bologna e Milano, proporrà fino al 1° ottobre, occasioni di riflessione in presenza e in streaming per vivere con coraggio le nuove sfide quotidiane e per costruire il futuro su valori quali la solidarietà e l'etica, privilegando su tutto il bene comune.

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2020-09/fondazione-terra-santa-frati-minori-nord-italia-festival-covid.html//

 

Il primo investimento di Bloomberg Equity Initiative è un dono di 100 milioni di dollari

(di Ruth McCambridge)

4 settembre 2020 - “I dati sono chiari: i pazienti neri in generale hanno risultati migliori quando ricevono cure da parte di medici neri. Aumentando il numero di medici neri, speriamo che tale dono aiuti a salvare più vite nere e riduca i problemi di salute che limitano le opportunità economiche nelle comunità nere". Così scrive Michael Bloomberg in un editoriale della CNN svolto insieme ai leader di quattro istituzioni beneficiarie mentre congiuntamente annunciavano un impegno di 100 milioni di dollari da parte di Bloomberg a favore degli studenti neri che studiano per diventare medici. Il denaro dovrebbe fornire circa 100.000 dollari ciascuno a 800 studenti di quattro scuole di medicina storicamente nere, guidate dai coautori di Bloomberg. Questo dono è il primo da parte della Greenwood Initiative, che ha lo scopo di affrontare la disuguaglianza economica sistemica dei neri americani. 

https://nonprofitquarterly.org/bloomberg-equity-initiatives-first-investment-is-100-million-gift//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

La Fondazione Joe and Clara Tsai impegna 50 milioni di dollari a favore della giustizia sociale

(di M.J. Perst)

2 settembre 2020 - 50 milioni di dollari in un periodo di 10 anni per sostenere programmi che promuovano la giustizia sociale e la mobilità economica per neri, indigeni e persone di qualsiasi colore, in particolare a Brooklyn. Clara Wu Tsai e Joe Tsai possiedono i Brooklyn Nets della NBA e le squadre di basket New York Liberty della WNBA. Questo nuovo impegno economico si aggiunge a quello di 10 milioni di dollari per la NBA Foundation che verrà donato dalla squadra di basket maschile dei Brooklyn Nets dell'NBA. La fondazione intende svolgere parte del suo lavoro a favore della giustizia sociale in collaborazione con le due squadre di basket e il Barclays Center, un'arena sportiva a Brooklyn. 

https://www.philanthropy.com/article/JoeClara-Tsai-Foundation/249320//

 

Le razioni alimentari da portare a casa, donate dagli Stati Uniti, supportano l'alimentazione e l'apprendimento dei bambini durante il Covid-19

5 agosto 2020, Kathmandu - Riso fortificato, lenticchie e olio vegetale, per un totale di quasi 1.500 tonnellate, donati dagli Stati Uniti, sono stati distribuiti dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) e dal Governo del Nepal ai bambini delle scuole nelle aree rurali (dalla prima elementare alla terza media) che non hanno più a disposizione i pasti scolastici nutrienti che ricevevano nelle province di Sudur Paschim e Karnali. Da marzo, 2,4 milioni di bambini in Nepal hanno perso i pranzi nutrienti che ricevevano a scuola, gli unici pasti adeguati su cui molti di loro potevano contare. La donazione degli Stati Uniti sosterrà 150.000 delle famiglie più vulnerabili della zona. Dal 2005, il programma McGovern-Dole Food for Education and Child Nutrition del governo degli Stati Uniti (USG), gestito dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), sostiene il programma di Alimentazione Scolastica del WFP in Nepal. Con un contributo totale di oltre 81 milioni di dollari, McGovern-Dole ha aiutato oltre 250.000 bambini ad accedere a pranzi nutrienti giornalieri attraverso il programma di alimentazione scolastica del WFP. Per riuscire passare a programmi di alimentazione scolastica a lungo termine gestiti a livello nazionale, il WFP ha iniziato a consegnare al governo le scuole sostenute dal McGovern-Dole, con circa 95.000 studenti già integrati nel programma nazionale di alimentazione scolastica fino ad oggi.   

https://www.wfp.org/news/take-home-rations-united-states-support-nutrition-and-learning-children-amid-covid-19

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Povertà Zero e n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Fame Zero

 

L'Unione Europea sostiene il WFP con un'assistenza salvavita alle famiglie vulnerabili in Iraq

31 luglio 2020, Baghdad - L'Unione Europea ha effettuato un nuovo contributo di 5 milioni di euro a favore del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) per fornire assistenza alimentare alle famiglie vulnerabili per un periodo di sei mesi. Nella sua risposta agli effetti della pandemia COVID-19 sui più vulnerabili in Iraq, il WFP ha aumentato il suo sostegno per riuscire a soddisfare i bisogni alimentari di 76.000 rifugiati siriani e 280.000 sfollati iracheni vulnerabili, nei campi di tutto il Paese. I rifugiati e le famiglie sfollate sono tra i più colpiti dalla crisi in corso. Molte famiglie dipendono dal lavoro occasionale e lottano con un reddito minimo o pari a zero; contano quasi interamente sul sostegno umanitario. Il contributo dell'Unione Europea sta sostenendo il WFP nel fornire trasferimenti mensili di denaro alle famiglie, consegnati tramite telefono cellulare o "e-voucher" su carte registrate, che possono riscattare nei negozi alimentari nei campi. Il WFP continua a fare da pioniere per quanto riguarda gl’innovativi "pagamenti senza contanti" nei campi di Diyala, Ninewa e Salah al-Din, come un'altra misura precauzionale contro il COVID-19, grazie alla quale le famiglie possono acquistare cibo nei negozi del campo con i propri telefoni cellulari. Allo stesso tempo, il WFP è preparato a garantire confezioni di cibo già pronto o "razioni di risposta immediata" nel caso in cui le forniture ai mercati alimentari vengano interrotte. I pacchi di emergenza coprono il fabbisogno alimentare di una famiglia di cinque persone per tre giorni.

https://www.wfp.org/news/european-union-supports-wfp-lifesaving-assistance-vulnerable-families-iraq

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Povertà Zero e n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Fame Zero

 

 

Pace e sicurezza

(top)

 

La Chiesa colombiana celebra la "Settimana della pace" in mezzo a conflitti sporadici

(di Devin Watkins)

7 settembre 2020 - Mentre parti della Colombia continuano a soffrire a causa di conflitti a bassa intensità, la Chiesa locale celebra la sua Settimana nazionale della Pace nella speranza di migliorare la vita di tutti i colombiani. I vescovi in Colombia stanno invitando i cattolici a pregare e lavorare per la pace, mentre parti del paese continuano a far fronte ai conflitti tra vari cartelli della droga, gruppi armati ribelli e forze di sicurezza. La Chiesa cattolica locale celebra la sua 33a “Settimana nazionale della Pace” dal 6 al 13 settembre. In un comunicato, i Vescovi dell'Arcidiocesi Metropolitana di Cali hanno rammentato al popolo che la pace è un bene universale che dovrebbe essere patrimonio di tutti.

https://www.vaticannews.va/en/church/news/2020-09/colombia-catholic-church-peace-week-farc.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Cultura della pace in Guinea: giornalisti dotati di un "approccio comune" per la gestione delle voci durante i periodi elettorali

2 settembre 2020 - Su iniziativa della ONG internazionale Search for Common Ground, dieci giornalisti della stampa scritta e dei media online hanno beneficiato di una formazione sui ruoli e sui comportamenti che i giornalisti dovrebbero adottare durante le elezioni: giornalismo sensibile ai conflitti, gestione delle voci e “Approccio Common Ground”.

https://cpnn-world.org/new/?p=21104&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=culture-of-peace-in-guinea-journalists-equipped-with-a-common-ground-approach-for-managing-rumors-during-election-periods//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

ECOSOCC / Marocco: Lancio della carovana elettronica della pace, evento faro del Mese dell'Amnistia in Africa

2 settembre 2020 - L'e-Caravan of Peace, un evento fiore all’occhiello del "Mese dell'Amnistia in Africa del 2020", è stato lanciato martedì da Rabat, capitale del Marocco, per viaggiare [virtualmente] attraverso tutti i paesi africani, con gli obiettivi di promuovere i valori di pace, tolleranza, solidarietà e integrazione panafricana.

https://cpnn-world.org/new/?p=21134&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=ecosocc-morocco-launch-of-the-e-caravan-of-peace-flagship-event-of-amnesty-month-in-africa//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Riunione annuale del Forum ad alto livello delle Nazioni Unite sulla Cultura della Pace

1° settembre 2020 -. Nel 2020, nonostante le difficoltà nel garantire la continuità aziendale sulla scia della pandemia COVID-19 in corso, è della massima importanza che le Nazioni Unite continuino a sostenere il movimento globale per promuovere la cultura della pace, la sua Dichiarazione e il Programma di azione, e che i nostri sforzi di risposta e ripresa siano guidati verso l'attuazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

https://cpnn-world.org/new/?p=21095&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=annual-meeting-of-the-united-nations-high-level-forum-on-the-culture-of-peace//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

 

Salute

(top)

 

Sicurezza alimentare e nutrizione. Speranze e Sfide per il Primo Convegno in assoluto sulla Sicurezza Alimentare

(di Samira Sadeque)

9 settembre 2020 – Costruire sistemi alimentari inclusivi e più salutari, e salvaguardare la salute del pianeta saranno alcune delle priorità chiave del primo Convegno sui Sistemi Alimentari il prossimo anno. Le Nazioni Unite si stanno preparando per il Convegno sui Sistemi Alimentari 2021, che sarà guidato dall’Inviato Speciale del Segretariato-Generale per il Convegno sui Sistemi Alimentari Dott. Agnes Kalibata. “Il cibo è qualcosa di più di ciò che soddisfa la fame, è più di quello che nutre i nostri corpi e i cervelli,” Kalibata, ex Ministro dell’Agricoltura e delle Risorse Animali in Ruanda, ha detto in un appassionato discorso in febbraio. “Il cibo è economia, politica.”

http://www.ipsnews.net/2020/09/hopes-and-challenges-for-the-first-ever-food-systems-summit//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Un cibo prodotto secondo natura è un cibo ad alta vitalità

4 settembre 2020 - In questo momento ci accorgiamo di quanto sia importante essere vicini alla Terra e all’alimentazione sana. E d’altra parte dobbiamo aiutare chi produce cibo sano, chi fa un’agricoltura sana, rurale e locale. È per questo che due realtà, NaturaSì e Slow Food, hanno deciso di lavorare insieme, di collaborare in maniera forte, con un obiettivo chiaro: dare valore a prodotti sani, biologici e che abbiano una valenza culturale, un legame con il territorio, che privilegino la tradizione.

https://www.slowfood.it/naturasi-e-slow-food-italia//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Riscaldamento, Efficienza Energetica, Tecnologia Intelligente e Salute

(di Lucy Hocking, Evangelos Gkoukis, Pamina Smith, Daniel Gehrt)

3 settembre 2020 – Una Revisione di dati da Paesi ad altorReddito, con attenzione al Regno Unito.

Questo resoconto evidenzia i risultati di una rapida valutazione sull’impatto sulla salute e più ampi effetti sulla società di uno scarso riscaldamento degli interni a casa e sul posto di lavoro, concentrandosi su quattro principali domande:

  • l’impatto di uno scarso ricaldamento degli interni sulla salute
  • gli impatti più ampi sulla società di uno scarso riscaldamento degli interni
  • l’impatto di miglioramenti dell’efficienza energetica, delle tecnologie di riscaldamento rinnovabili e delle tecnologie intelligenti sugli ambienti domestici interni
  • l’impatto di miglioramenti dell’efficienza energetica, delle tecnologie di riscaldamento rinnovabili e delle tecnologie intelligenti sulla salute

https://www.rand.org/pubs/external_publications/EP68258.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

L’Iniziativa di Eradicazione Globale della Poliomielite plaude alla certificazione della Regione Africana dell’OMS come libera dalla poliomielite selvaggia.

25 agosto 2020, Ginevra – Oggi la Commissione Regionale dell’Africa per la Certificazione ha certificato la Regione Africana dell’OMS come libera dalla poliomielite selvaggia dopo quattro anni senza un caso. Con questa storica pietra miliare, cinque delle sei Regioni dell’OMS – che rappresentano oltre il 90% della popolazione mondiale – sono ora libere dal poliovirus selvaggio, avvicinando il mondo ad ottenere l’eradicazione globale della poliomielite. Solamente due paesi in tutto il mondo continuano ad osservare la trasmissione del poliovirus: Pakistan e Afghanistan. L’Iniziativa di Eradicazione Globale della Poliomielite (GPEI) si congratula con i governi nazionali dei 47 Paesi nella Regione Africana dell’OMS per il risultato odierno. (…) Una forte leadership e l’innovazione sono stati determinanti nel fermare il poliovirus selvaggio nella regione. I Paesi hanno coordinato i loro sforzi con successo per superare le maggiori sfide per immunizzare i bambini, come alti livelli di movimento di popolazione, conflitti e insicurezza che limitavano l’accesso ai servizi sanitari e la capacità del virus di diffondersi rapidamente e viaggiare attraverso le frontiere. In aggiunta, la continua generosità e l’impegno condiviso dei donatori – compresi governi, il settore privato, istituzioni multilaterali e organizzazioni filantropiche – a raggiungere un mondo libero dalla poliomielite hanno aiutato a costruire le infrastrutture che hanno messo in grado la Regione Africana di raggiungere un numero maggiore di sempre di bambini con i vaccini antipolio e sconfiggere la polio selvaggia. (…) Le risorse e l’esperienza usate per eliminare la polio selvaggia hanno contribuito significativamente alla sanità pubblica Africana e ai sistemi di risposta alle epidemie. Il programma antipolio fornisce benefici sanitari che raggiungono a lunga distanza le comunità locali, dal supportare la risposta della Regione Africana al COVID-19 al potenziare l’immunizzazione di routine contro altre malattie prevenibili con vaccini. (…)

http://polioeradication.org/news-post/global-polio-eradication-initiative-applauds-who-african-region-for-wild-polio-free-certification/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Il Programma Alimentare Mondiale e Takeda si associano per rafforzare le catene di rifornimento della sanità pubblica in Africa e la risposta globale al COVID-19

14 luglio 2020, Roma/Yokohama – Tramite una nuova collaborazione quinquennale, la Takeda Pharmaceutical Company Limited (Takeda) contribuisce con approssimativamente 14 milioni di dollari USA al Programma Alimentare Mondiale (WFP) per sostenere la risposta alla pandemia e aiutare a rendere i sistemi sanitari più resilienti. Circa 3 milioni di dollari USA sono stati disposti per un uso immediato da parte del WFP per sostenere il Piano di Risposta Umanitaria Globale, aiutando a costruire un centro di trattamento e isolamento per lavoratori umanitari e sanitari impegnati contro il COVID-19 e stabilire una “torre di controllo” della catena di rifornimento per monitorare i carichi umanitari che fanno parte della risposta. La contribuzione rimanente sarà usata dal WFP a partire dal 2021 per rafforzare le catene di rifornimento della sanità pubblica e sostenere la preparazione a lungo termine contro la pandemia a livello nazionale. In collaborazione con portatori di interesse della sanità pubblica in quattro Paesi africani, il WFP promuoverà le migliori pratiche nella gestione delle catene di rifornimento e introdurrà strumenti, processi e aggiornamento basato su simulazioni per incrementare la capacità dei sistemi sanitari ad assorbire e rispondere agli shock sanitari.

https://www.wfp.org/news/wfp-and-takeda-partner-strengthen-public-health-supply-chains-africa-and-global-covid-19

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Energia e sicurezza

(top)

 

AGENZIA INTERNAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI - La Comunità dell'Energia dell'America Latina sottolinea il legame tra trasformazione energetica e prosperità

25 agosto 2020 – Nel corso di un webinar organizzato dall'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) e dall'Organizzazione latino-americana per l'energia (OLADE), i responsabili ad alto livello delle decisioni in materia di energia e clima dell'America Latina e dei Caraibi hanno sottolineato l'importanza della politica energetica a basse emissioni di carbonio per garantire una prosperità delle economie regionali stabile e a lungo termine. L'incontro virtuale denominato “Accelerating Latin America's Energy Transformation: RE and Economic Recovery” è stato costruito sulla base del recente lavoro di analisi presentato nel rapporto Global Renewables Outlook dell'Agenzia, Power Generation Cost 2019 e nel rapporto Post-Covid Recovery, che rafforzano la centralità della trasformazione energetica per l’ottenimento, in America Latina e nel mondo, di risultati economici positivi a lungo termine. La discussione ha cercato di approfondire la comprensione, da parte dei responsabili delle decisioni regionali, del rafforzamento di ragioni economiche per un'azione di trasformazione energetica più mirata, evidenziando i vantaggi socioeconomici di un sistema energetico basato sulle energie rinnovabili. (...)

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=850955&cat=;91;90&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 12 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Consumo e Produzione responsabili

 

La nuova tripla alleanza dell'idrogeno porterà benefici a tutta l'Europa

25 agosto 2020 – Tre progetti europei sull'idrogeno, tra cui il progetto GenComm guidato dal Belfast Metropolitan College, stanno collaborando per formare la "Hydrogen Triple Alliance", che incrementerà ulteriormente in tutta l’Europa la transizione all'idrogeno verde e ridurrà le emissioni di carbonio in tempi molto più rapidi. (…) GenComm, Seafuel e HUGE, tre progetti sull'idrogeno verde che abbracciano l'intera Europa, stanno cercando di superare il problema di come collegare le parti interessate, gli utenti finali, i responsabili politici e le comunità interessate alle tecnologie dell'idrogeno. (…) L'integrazione dei tre progetti porterà a grandi cambiamenti internazionali e accelererà l'accoppiamento settoriale delle energie rinnovabili, consentendo in tutta Europa l'espansione degli investimenti nelle rinnovabili. (…) L'alleanza consente l'integrazione della produzione e dell'uso dell'idrogeno nella catena del valore dell'energia, generando una riduzione ancora maggiore delle emissioni di carbonio. (...)

https://www.renewableenergymagazine.com/miscellaneous/new-hydrogen-triple-alliance-will-benefit-all-20200825/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 11 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Città e Comunità sostenibili e n. 12 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Consumo e Produzione responsabili

 

56 Paesi si riuniscono online per cercare di risolvere il cambiamento climatico

8 agosto 2020 – Nonostante l'attuale crisi, gli imprenditori verdi di tutto il mondo continuano a creare un impatto climatico positivo e nuove opportunità economiche. Un numero record di 3.000 startup provenienti da 56 paesi hanno partecipato all'edizione di quest'anno di ClimateLaunchpad, il concorso globale di idee di business verdi. La settima edizione del suo Global Grand Final sarà un evento di 3 giorni interamente digitale (30 settembre - 2 ottobre). ClimateLaunchpad fa parte delle offerte di imprenditorialità di EIT Climate-KIC, la principale iniziativa di innovazione climatica dell'UE. La sua missione è sbloccare il potenziale globale di tecnologia pulita e accelerare le innovazioni che affrontano il cambiamento climatico. (…) Saranno presenti 65 startup improntate a tecnologie pulite, interventi dal vivo, masterclass interattive, networking, sessioni divertenti, talk ispiratori e discussioni live. (...)

https://cleantechnica.com/2020/08/08/56-countries-gather-online-in-their-quest-to-fix-climate-change/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

Weatherwatch: parchi eolici galleggianti - la fonte di energia del futuro

7 agosto 2020 – Le turbine giganti che operano da piattaforme ancorate possono sfruttare i forti venti offshore. Il potenziale dei parchi eolici offshore è enorme: non sono più limitati a erigersi in acque poco profonde, ma possono operare da piattaforme ancorate; inoltre, dimensioni e potenza delle turbine continuano ad aumentare. (…) Ma è lo sviluppo delle piattaforme galleggianti che fornisce una nuova potenziale fonte di energia per qualsiasi paese del mondo che abbia delle coste. Con il vento offshore che soffia più forte e coerente, in particolare all'altezza raggiunta dalle dimensioni delle nuove turbine, l'elettricità prodotta avrà prezzi competitivi rispetto ai combustibili fossili e ben al di sotto del nucleare. (...) Teoricamente, se si costruisse un numero sufficiente di queste turbine, queste potrebbero produrre tutto il fabbisogno elettrico del pianeta. Ciò non accadrà, ma è incoraggiante che questo sia il settore in più rapida crescita al mondo. Nonostante il Covid, continuano gli investimenti massicci sia nella tecnologia consolidata dei parchi eolici di mare poco profondo, sia nella nuova meraviglia dell'epoca, il parco eolico galleggiante. (...)

https://www.theguardian.com/news/2020/aug/07/weatherwatch-floating-wind-farms-the-power-source-of-the-future

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 9 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Industria,Innovazione e Infrastrutture

 

 

Ambiente e natura

(top)

 

Una nuova piattaforma online mostra come proteggere la biodiversità ed evitare il collasso ecologico

(di Morgan Erickson-Davis)

8 settembre 2020 – E mentre il mondo guarda verso il 2021 con ancora la spada di Damocle del COVID-19, c’è sempre il rischio di dimenticarsi delle altre crisi globali. Ma una nuova applicazione lanciata oggi mira a fare luce sulla strada verso un futuro più luminoso, mostrando come, in colpo solo, sia possibile fermare il riscaldamento globale, ridurre l’estinzione e prevenire le pandemie. Le ricerche mostrano che un ulteriore innalzamento della temperatura globale di 1.5 gradi Celsius, porterà molto probabilmente a un collasso degli ecosistemi di tutto il mondo. Gli scienziati affermano che questo potrebbe portare non solo a un’estinzione di massa, ma avrebbe conseguenze disastrose anche per gli esseri umani in tema di cibo e sicurezza idrica, resilienza delle comunità contro i disastri ambientali, salute pubblica e altri bisogni dettati dalla società strettamente legati alla salute dell’ambiente in cui viviamo.

https://www.ecowatch.com/biodiversity-new-platform-2647520328.html?rebelltitem=1#rebelltitem1//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

Le Nazioni Unite stabiliscono la prima Giornata Internazionale dell’aria pulita per dei cieli blu

(di Robin Gomes)

7 settembre 2020 – Il 19 dicembre 2019, l’assemblea generale delle Nazioni Unite ha stabilito che il 7 settembre si sarebbe svolta la Giornata Internazionale dell’aria pulita per i cieli blu, sottolineando l’importanza dell’aria pulita per la salute e la vita di tutti i giorni di ognuno di noi. In un messaggio per il rito di lunedì della prima Giornata Mondiale dell’aria pulita, sul tema “Puliamo l’aria per tutti”, il capo delle Nazioni Unite ha evidenziato che nove persone su 10 respirano aria malsana, per questo richiama l’attenzione di tutti per costruire un futuro migliore con aria pulita, per noi e per gli altri.

https://www.vaticannews.va/en/world/news/2020-09/united-nations-first-day-clean-air-message-guterres-andersen.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

Con il record di installazioni su sistemi a pannelli solari e pale eoliche, ora l’Australia sta battendo i record dell’energia pulita

5 settembre 2020 – Quest’anno verranno installati sistemi di energia rinnovabile pari a quattro grandi centrali a carbone, ma la mancanza di investimenti potrebbe rallentare il processo di crescita. I numeri sono una chiara dimostrazione che l’energia rinnovabile sta avendo un gran successo in Australia. I dati rilasciati la scorsa settimana dall’ente governativo Clean Energy Regulator suggeriscono che i 6.3 gigawatt - l’equivalente di energia prodotta da quattro centrali a carbone – deriveranno dagli impianti di energia solare ed eolica che saranno installati durante il corso dell’anno in tutto il paese. Verrà raggiunto il record raggiunto l’anno precedente, e supera di cinque volte quello raggiunto nel 2016.

https://www.theguardian.com/australia-news/2020/sep/06/with-record-new-solar-and-wind-installed-australias-clean-energy-is-booming-for-now//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 11 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Città e Comunità sostenibili e n. 12 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Consumo e Produzione responsabili

 

Il Green Climate Fund dà la sua approvazione a nuovi progetti

21 agosto 2020, Roma –Oggi il Consiglio del Green Climate Fund ha approvato diversi nuovi progetti, compreso uno in merito alla Costa d’Avorio che segna la prima volta in cui la FAO ha aiutato uno stato africano a ricevere un prestito da un’entità internazionale. Con l’approvazione degli 11.8 milioni di dollari destinati alla Costa d’Avorio, e altri due progetti guidati dalla FAO in Armenia e Colombia, sale a 58.5 milioni – tra cui 10.5 cofinanziati – la somma ricevuta dal Green Climate Fund, un’unica piattaforma globale con il compito di investire nelle tecnologie a basse emissioni e nello sviluppo della resilienza climatica. Il fondo aiuterà il progetto Promire della Costa d’Avorio – che si pone l’obiettivo di promuovere una deforestazione pari a zero nell’ambito della produzione del cacao e la riduzione delle emissioni – migliorando un progetto pilota che supporta le cooperative locali di produttori di cacao biologico a La Mè che amplia il loro accesso nel mercato equo-solidale riducendo la perdita di suolo forestale. Il Consiglio del Green Climate Fund ha approvato una donazione di 10 milioni di dollari per un progetto di crescita nelle aree rurali e la resilienza forestale che si focalizza su 207 comunità a Lori Marz e Syunik Marz. In Colombia il Green Climate Fun sta offrendo 28 milioni di dollari per aiutare e finanziale il progetto REDD+ già esistente e che ha portato a 31,5 milioni di tCO2 equivalente di mitigazione del carbonio nel 2015 e 2016. Al posto dei mercati del carbonio attivo, il Fondo sta effettuando un pagamento per alcuni dei risultati raggiunti.

http://www.fao.org/news/story/en/item/1304085/icode/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

ACAMS e WWF rispondo alla chiamata per combattere il commercio illegale di fauna selvatica

Una collaborazione cerca di costruire alleanze globali per facilitare gli sforzi congiunti per svelare le reti finanziare delle organizzazioni criminali

18 agosto 2020, Gland – Il World Wide Fund for Nature (WWF), una delle principali organizzazioni internazionali per la conservazione, e ACAMS, un'associazione globale di professionisti della prevenzione della criminalità finanziaria, hanno lanciato un'iniziativa per consentire ai professionisti della di affrontare le crescenti minacce associate al commercio illegale di fauna selvatica (IWT). La partnership cerca di guidare la collaborazione tra istituzioni finanziarie, enti governativi e gruppi senza scopo di lucro nella lotta contro un grave crimine transnazionale che alimenta la corruzione e minaccia la biodiversità in tutto il mondo. Il progetto ha tre obiettivi immediati: aumentare la consapevolezza del problema attraverso conferenze, tavole rotonde strategiche, coinvolgimento dei membri e altri forum e pubblicazioni ACAMS, sviluppare moduli educativi e di formazione per le organizzazioni del settore pubblico e privato e creare un kit di strumenti di conformità che includa le bandiere rosse di IWT e il modello di valutazione del rischio ACAMS. L'iniziativa offrirà anche un certificato gratuito, primo nel suo genere, che delinea i passi che gli attori del settore finanziario dovrebbero intraprendere per identificare, segnalare, mitigare e rimediare ai rischi associati a ciascuna fase di una catena di approvvigionamento illegale di fauna selvatica. La partnership mira ad aiutare le unità di intelligence finanziaria e gli investigatori di conformità e cerca l'avvio di operazioni regionali e nazionali mirate a transazioni sospette o casi in corso con segnali di allarme per i flussi finanziari IWT. (...)

https://wwf.panda.org/wwf_news/press_releases/?569391/ACAMS-and-WWF-answer-call-to-action-on-illegal-wildlife-trade 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

 

Religione e spiritualità

(top)

 

AMERICA/CUBA - Per la prima volta i media hanno trasmesso la festa religiosa della Vergine della Carità

9 settembre 2020 - L'Avana (Agenzia Fides) - La televisione cubana ha trasmesso la solenne Eucaristia in onore della Vergine della Carità, Patrona di Cuba, celebrata ieri mattina, 8 settembre, nel suo santuario di El Cobre, una cittadina vicino alla città di Santiago de Cuba. Fino ad oggi gli eventi religiosi non erano mai stati trasmessi dai media governativi a Cuba, quindi questo gesto è considerato l'inizio di una nuova era. La messa è stata trasmessa in serata da uno dei canali nazionali della televisione cubana, in spirito di collaborazione tra Chiesa e Stato, affinché il rito religioso potesse raggiungere il maggior numero di fedeli durante l'attuale pandemia di Covid-19.

http://www.fides.org/en/news/68596-AMERICA_CUBA_For_the_first_time_the_media_have_broadcast_the_religious_feast_of_the_Virgin_of_Charity//

 

OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA - Celebrare il Tempo del Creato con la consapevolezza che quando il nostro mondo è malato, anche noi ci ammaliamo

4 settembre 2020, Port Moresby (Agenzia Fides) - Ogni anno dal 1° settembre al 4 ottobre la Famiglia Cristiana nel mondo si riunisce per celebrare la protezione della nostra casa comune. "Ci rallegriamo per questo Tempo del Creato che ci offre l'opportunità di pregare, riflettere, fermarci e agire a favore della nostra casa comune", scrive p. Ambrose Pereira, SDB, Direttore dell'Ufficio Comunicazione della Conferenza Episcopale di Papua Nuova Guinea e Isole Salomone. Durante il Tempo della Creazione, 2,2 miliardi di cristiani in tutto il mondo si riuniranno per pregare e agire per la nostra casa comune. Tra le testimonianze di questo evento, il salesiano p. Savio Silveira, direttore e fondatore della Don Bosco Green Alliance, ha offerto alcuni suggerimenti ispirati dalla preghiera e dall'azione da mettere in atto in questo periodo. Il sacerdote ci invita a recitare quotidianamente una “preghiera per la nostra terra” di Papa Francesco, che si trova nella Laudato Sì; integrare il tema del creato nelle liturgie domenicali; organizzare una sessione di meditazione per apprezzare la creazione e la sua importanza. Per ogni settimana del Tempo della Creazione, p. Silverio propone anche di trascorrere del tempo all'aria aperta, conoscere la biodiversità locale, migliorare la creazione organizzando campagne per piantare alberi, ripristinare giardini e organizzare giornate ecologiche in vista della Giornata della Pulizia del Mondo che si celebrerà il 19 settembre. Ricordando le parole di Papa Benedetto XVI in occasione della 43a Giornata Internazionale della Pace nel 2010, "Se vuoi coltivare la pace, proteggi il creato", il Salesiano esorta tutti noi ad impegnarci per la tutela del creato organizzando campagne online per parlare delle minacce alla natura. La Don Bosco Green Alliance è un'iniziativa globale nata nel 2018 e ispirata da Laudato Sì. Si tratta di un gruppo internazionale di giovani che lavorano insieme per contribuire a iniziative, riflessioni e politiche ambientali globali. (AP / AP) (Agenzia Fides, 4/9/2020)

http://www.fides.org/en/news/68568-OCEANIA_PAPUA_NEW_GUINEA_Celebrating_the_Time_of_Creation_with_the_awareness_that_when_our_world_is_sick_we_also_get_sick

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

Multiconvergenza delle Reti globali: secondo incontro e dialogo sull'iniziativa

4 settembre 2020 - Il 2° incontro virtuale dal titolo “Multiconvergence of Global Networks”, tenutosi il 29 agosto 2020, ha visto la partecipazione di rappresentanti di undici reti internazionali e si è svolto in un clima di un proficuo scambio. L'incontro è stato caratterizzato dalla grande diversità di approcci e dall'unità nell'impegno comune per un mondo equo, solidale, democratico ed ecologico. È stato stabilito un bel collegamento tra le persone che hanno a cuore il bene comune, sia nella plenaria generale tenuta in spagnolo che nelle quattro sale di discussione nelle lingue spagnolo, portoghese, inglese e francese. Questo collegamento è stato arricchito dalla pratica di piccole meditazioni collettive all'inizio e alla fine dell'incontro, utilizzando un metodo proposto dal Movimento Umanista, la rete che ha organizzato l'evento. La torre di Babele, alla quale hanno preso parte molte decine di persone, si è conclusa con un divertente canto collettivo di "Imagine" di John Lennon, che rappresenta l'aspirazione ad un mondo senza confini dove le persone possano vivere nella dignità.

https://www.pressenza.com/2020/09/multiconvergence-of-global-networks-the-second-meeting-and-dialogue-about-the-initiative//

 

Madre Teresa: una Santa per tutti

(di Linda Bordoni)

4 settembre 2020 - Nel 4° anniversario della canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta, la postulatrice della sua causa di santità ci spiega perché la Santa è così importante nel mondo di oggi. Il 4 settembre 2016 decine di migliaia di pellegrini sono accorsi a Roma per la canonizzazione di Santa Madre Teresa di Calcutta, la minuscola suora che ha dedicato la sua vita ai più poveri tra i poveri, vivendo tra loro e come loro. Durante la messa in cui Papa Francesco l'ha proclamata santa, l'ha descritta come una santa che ha difeso i nascituri, i malati e gli abbandonati e che ha denunciato la vergogna dei leader mondiali per i “crimini della povertà che loro stessi hanno creato”.

https://www.vaticannews.va/en/church/news/2020-09/saint-mother-teresa-kolkata-annivesary-canonization.html//

 

I partner interreligiosi globali (Global Interfaith Partners) presenteranno un nuovo rapporto dal titolo "Azione della fede sugli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite"

26 agosto 2020 - Lunedì 21 settembre 2020 unitevi a Bhumi Global, il Parlamento delle religioni mondiali, UNEP Faith for Earth e United Religions Initiative (URI) per la presentazione del nostro rapporto, “Azione della fede sugli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: Progressi e Prospettive”. Siamo di fronte alle principali sfide della sostenibilità del 21° secolo. Fortunatamente abbiamo un'opportunità unica per implementare soluzioni su scala globale. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite sono nati da un'idea pionieristica di mobilitarsi attorno a un quadro globale per la sostenibilità. Le organizzazioni basate sulla fede hanno dato contributi significativi nella tutela della natura, nelle energie rinnovabili, nel disinvestimento dai combustibili fossili e nell'agricoltura sostenibile.

https://parliamentofreligions.org/blog/2020-08-27-1151/global-interfaith-partners-launch-new-report-entitled-faith-action-un//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Partnership per gli Obiettivi

 

 

Cultura e educazione

(top)

 

Una maggiore alfabetizzazione per un futuro migliore

(di Marina Tomarro)

8 settembre 2020 - Oggi si ricorda Giornata mondiale dell'Alfabetizzazione, istituita dall’Unesco nel 1965. Attualmente nel modo ancora troppi bambini non riescono ad accedere all’istruzione e, con il problema della pandemia, la situazione è peggiorata, soprattutto nei Paesi più poveri, dove non è stata possibile una didattica a distanza alla portata di tutti. Grave la situazione anche in Italia.

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2020-09/alfabetizzazione-mondo-scuola-futuro-bambini.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Il dialogo interculturale durante la pandemia: impatto e risposta

8 settembre 2020 - Pur sottolineando l'interconnessione e l'interdipendenza dell'umanità, COVID-19 ha anche portato a un aumento della discriminazione, della disuguaglianza e della vulnerabilità, mettendo sotto pressione le capacità delle società per la comprensione interculturale in un momento in cui la solidarietà e la cooperazione sono più che mai necessarie. Esplorando questi temi, è stato pubblicato un nuovo brief dell'UNESCO che esamina sia l'impatto del COVID-19 sulle relazioni interculturali sia le risposte creative intraprese per rafforzare la cooperazione interculturale in questo contesto senza precedenti.

https://en.unesco.org/news/intercultural-dialogue-during-pandemic-impact-and-response//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Cooperativa Kairos, progetti per bambini e ragazzi che hanno sofferto per la pandemia

7 settembre 2020 - La cooperativa Kairos realizza a partire dal 31 agosto due progetti, finanziati dai fondi stanziati dalla Regione Lazio, dedicati all’educazione ‘outdoor’ proposta per bambini e ragazzi che negli ultimi mesi hanno sofferto particolarmente per la forzata reclusione causata dalle difficili condizioni sanitarie. I due progetti, dal titolo ‘La regola della natura’ e ‘Tanta meraviglia’, si svolgeranno rispettivamente a Subiaco e a Guidonia Montecelio. A raccontare i progetti è un comunicato stampa Outdoor: "Le iniziative hanno ottenuto il patrocinio delle Amministrazioni cittadine e sono rivolte a titolo gratuito a bambini e ragazzi che non hanno potuto usufruire dei voucher regionali per i centri estivi. Verrà garantita l’osservanza di tutte le necessarie attività di prevenzione e delle misure anti-covid nel rispetto delle indicazioni delle autorità".

https://www.acistampa.com/story/cooperativa-kairos-progetti-per-bambini-e-ragazzi-che-hanno-sofferto-per-la-pandemia-14903//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Il primo museo della felicità al mondo è stato inaugurato a Copenaghen, ed è destinato a farti sorridere

(di Judy Cole)

3 settembre 2020 - La felicità, come l'arte, è spesso soggettiva, ma a differenza dell'arte, la felicità non è qualcosa che ti aspetteresti di trovare appesa in un museo. O almeno non è stato fino a quando un intero museo dedicato alla felicità ha aperto a Copenaghen lo scorso luglio. L'Happiness Research Institute - sì, esiste davvero una cosa del genere - è la forza trainante del nuovo progetto. Secondo la loro dichiarazione di intenti, l'obiettivo del think tank indipendente nell'esplorare il motivo per cui alcune società sono più felici di altre "è informare i responsabili delle decisioni sulle cause e gli effetti della felicità umana, rendere il benessere soggettivo parte del dibattito sulle politiche pubbliche e migliorare [la] qualità della vita complessiva per i cittadini di tutto il mondo ".

https://www.goodnewsnetwork.org/the-worlds-first-happiness-museum-opened-in-copenhagen//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Sembra che i bambini cresciuti in aree più verdi abbiano un QI più alto

25 agosto 2020 - Secondo un recente studio, crescere in un ambiente urbano dotato di una maggiore percentuale di aree verdi aumenta l'intelligenza dei bambini e abbassa i livelli di comportamento difficili.

E questo il risultato a cui è giunta l’analisi di oltre 600 bambini di età compresa tra 10 e 15 anni, la quale ha dimostrato, che un aumento del 3% del verde nel loro quartiere determina un aumento del loro punteggio di QI in media di 2,6 punti. L’effetto è stato osservato sia nelle aree più ricche che in quelle più povere. “Ci sono sempre più prove, secondo le quali l’ambiente verde è associato alla funzione cognitiva dell’essere umano“, ha detto Tim Nawrot, professore di epidemiologia ambientale presso l’Università di Hasselt in Belgio, dove è stato condotto lo studio.

https://www.reccom.org/2020/08/25/sembra-che-i-bambini-cresciuti-in-aree-piu-verdi-abbiano-un-qi-piu-alto//

 

Il futuro dell’educazione

18 agosto  2020 – L’ UNESCO ha recentemente lanciato un ‘iniziativa globale per ricominciare ad immaginare come la conoscenza e lo studio possano configurare il futuro dell’umanità e del pianeta. “UNESCO’s Futures of Education initiative” intende ripensare l’educazione e progettare il futuro. L’iniziativa si prefigge di attivare un dibattito globale su come la conoscenza, l’educazione e lo studio debbano essere ripensati e re-immaginati in un mondo di crescente complessità, insicurezza e precarietà.

https://www.pressenza.com/2020/08/futures-of-education//

 

* * * * * * *

(top)

 

 

 

Good News Agency è pubblicata mensilmente (tranne agosto) con traduzioni a sua cura. Tutti i numeri precedenti sono disponibili al sito http://www.goodnewsagency.org. Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 265-2000 del 20.6.2000. Iscrizione al R.O.C  n. 11060 del 16.2.2005.

Direttore responsabile ed editoriale: Fabio Gatti (fabio.gatti@goodnewsagency.org). Ricerche editoriali: Fabio Gatti, Isabella Strippoli, Elisa Minelli, Salvatore Caruso Motta, Chiara Damilano, Francesco Viglienghi, Carlo Toraldo, Andrea Landriscina, Nazzarena Franco. Traduttori: Silvia Ansaloni, Arianna Ciocca, Eleonora Ferrante, Chiara Gessi, Giuliano Giannone, Pamela Mariotti, Ilaria Nannini, Paolo Pagin, Martina Parovel, Manuela Sassi, Isabella Strippoli, Simona Valesi. Webmaster e copertura media e ONG: Simone Frassanito (simone.frassanito@goodnewsagency.org). 

 

Good News Agency è distribuita gratuitamente nel mondo per via telematica a media e giornalisti redazionali della stampa quotidiana e periodica, della radio e della televisione, a ONG e associazioni di servizio, a scuole superiori e università e ad oltre 26.000 Rotariani.

 

È un servizio di puro volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, fondata nel 1979, ente morale con D.M. 24-5-1999 pubblicato sulla G.U. n. 135 dell’11-6-1999. L’Associazione opera per lo sviluppo delle coscienze e promuove una cultura della pace nella prospettiva del ‘villaggio globale’ basato sull’unità nella diversità e sulla condivisione.  

L’Associazione ha sede in Roma, Piazzale degli Eroi 8. È iscritta al Registro della Regione Lazio delle associazioni di promozione sociale, alla World Association of Non Governmental Organizations (WANGO) e alla Union of International Associations (UIA).

 

* http://decade-culture-of-peace.org/2010_civil_society_report.pdf Nella sezione A, Organizzazioni Internazionali, pag. 12, il Rapporto dice: “La diffusione e lo scambio dell’informazione di una cultura di pace tramite Internet è diventata il principale strumento per diverse organizzazioni internazionali, tra cui spiccano Culture of Peace News Network, Good News Agency e  Education for Peace Globalnet.”