Notiziario

Per consultare tutti i numeri pubblicati visitare l'archivio

Good News Agency

Nonostante tutto, una cultura di pace sta emergendo in tutti i campi dello sforzo umano

mensile, anno XX, numero 290 – 27 maggio 2020

 

Good News Agency - l’agenzia delle buone notizie - riporta notizie positive e costruttive da tutto il mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni non-governative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita, notizie che non si “bruciano” nell’arco di un giorno. È distribuita gratuitamente per via telematica nel mondo a media e giornalisti di redazione, ONG e associazioni di servizio, scuole superiori e università. È un servizio di volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, ente morale educativo associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle Nazioni Unite. Sostiene il Movimento Globale per la Cultura di Pace. Nel rapporto conclusivo sul progetto del Decennio per una Cultura di Pace (2001-2010) consegnato al Segretario-Generale ONU per la presentazione all'Assemblea Generale), Good News Agency è inclusa tra le tre ONG che svolgono un ruolo importante nel campo della informazione per la promozione di una cultura di pace tramite Internet.*

 

Sommario

Legislazione internazionaleDiritti umaniEconomia e sviluppoSolidarietà

Pace e sicurezzaSaluteEnergia e sicurezzaAmbiente e natura

Religione e spiritualitàCultura e educazione

 

Legislazione internazionale
(top) 

Nazioni Unite - Consiglio economico e sociale - Commissione economica per l'Europa - Organizzazione Mondiale della Sanità, Ufficio regionale per l'Europa - Riunione delle parti del protocollo sull'acqua e la salute alla convenzione sulla protezione e l'uso dei corsi d'acqua e laghi transfrontalieri e internazionali - Quinta sessione.

28 aprile 2020 - Programma di lavoro per 2020-2022 (...)

3. Il protocollo è un potente strumento per promuovere e rendere operativa la realizzazione dell'Agenda 2030 nella regione paneuropea. Il protocollo è stato precursore degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile pertinenti all'acqua, ai servizi igienico-sanitari e alla salute. Ha messo la regione sulla buona strada promuovendo l'integrazione delle politiche in un approccio olistico e preventivo per ottenere servizi idrici e sanitari gestiti in modo sicuro e un accesso universale ed equo per tutti, in tutti gli ambienti. (...)

4. Il protocollo e l'agenda 2030 si rafforzano a vicenda. I Paesi hanno beneficiato della loro attuazione congiunta dall'adozione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, che ha portato all'ampliamento del campo di applicazione delle attività previste dal protocollo per allinearsi pienamente alle esigenze della regione. (...)

5. Il protocollo offre un quadro pratico per la pianificazione e la responsabilità per aiutare i Paesi a tradurre le aspirazioni dell'Agenda 2030 in obiettivi, traguardi e azioni nazionali tangibili che tengono conto delle circostanze nazionali promuovendo nel contempo un approccio intersettoriale. Fornisce orientamento e strumenti pratici che facilitano l'attuazione degli obiettivi e degli obiettivi dell'Agenda 2030 e il rafforzamento delle capacità tecniche a livello nazionale e regionale. (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/G20/106/41/pdf/G2010641.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere e n. 14 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite La Vita sott’acqua

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Settantaquattresima sessione - Punto 123 dell'ordine del giorno - Rafforzamento del sistema delle Nazioni Unite - Risoluzione adottata dall'Assemblea generale il 20 aprile 2020 - Cooperazione internazionale per garantire l'accesso globale a medicinali, vaccini e attrezzature mediche affrontare COVID-19

21 aprile 2020 - L'Assemblea Generale (...)

3. incoraggia gli Stati membri a collaborare con tutte le parti interessate per aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo di vaccini e medicinali, a sfruttare le tecnologie digitali e rafforzare la cooperazione scientifica internazionale necessaria per combattere il COVID-19 nonché a rafforzare il coordinamento, includendo il settore privato, verso un rapido sviluppo, produzione e distribuzione di diagnostica, medicinali antivirali, dispositivi di protezione individuale e vaccini, aderendo agli obiettivi di efficacia, sicurezza, equità, accessibilità e convenienza;

5. chiede al Segretario Generale, in stretta collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, di adottare le misure necessarie per coordinare e seguire efficacemente gli sforzi del sistema delle Nazioni Unite per promuovere e garantire l'accesso globale a medicinali, vaccini e attrezzature mediche necessarie per affrontare COVID-19, (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N20/101/42/pdf/N2010142.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Partnership per gli Obiettivi

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Consiglio dei diritti umani - Quarantatreesima sessione - Punto 3 dell'ordine del giorno - Alloggio adeguato quale componente del diritto a un tenore di vita adeguato e del diritto alla non discriminazione in questo contesto

17 aprile 2020 - Il Consiglio dei diritti umani (...)

1. Invita gli Stati a:

a) tenere in debita considerazione l'integrazione del diritto umano a un alloggio adeguato nell'attuazione della nuova agenda urbana e dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile;

b) adottare misure urgenti per porre rimedio al problema degli alloggi inadeguati e migliorare le condizioni di vita delle persone che risiedono in insediamenti informali, conformemente al diritto internazionale dei diritti umani; (...)

e) collaborare con le comunità e gli individui interessati per sviluppare e promuovere la progettazione, la costruzione e la manutenzione di alloggi sostenibili dal punto di vista ambientale e sani per affrontare gli effetti dei cambiamenti climatici garantendo nel contempo il diritto a un alloggio adeguato; (...)

i) garantire l'eguale diritto delle donne a un alloggio adeguato come componente del diritto a un tenore di vita adeguato, in tutti gli aspetti delle strategie abitative, (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/LTD/G20/095/88/pdf/G2009588.pdf?OpenElement

 

RACCOMANDAZIONE (UE) 2020/518 DELLA COMMISSIONE dell'8 aprile 2020 relativa a un pacchetto di strumenti comuni dell'Unione per l'uso della tecnologia e dei dati al fine di contrastare la crisi Covid-19 e uscirne, in particolare per quanto riguarda le applicazioni mobili e l'uso di dati anonimizzati sulla mobilità

14 aprile 2020 – LA COMMISSIONE EUROPEA (…) HA ADOTTATO LA PRESENTE RACCOMANDAZIONE:

SCOPO DELLA RACCOMANDAZIONE

1) La presente raccomandazione istituisce un processo per lo sviluppo di un approccio comune, denominato «pacchetto di strumenti», volto all'uso dei mezzi digitali per affrontare la crisi. Il pacchetto di strumenti si comporrà di misure pratiche finalizzate all'uso efficace delle tecnologie e dei dati, con particolare attenzione su due aspetti:

1) un approccio paneuropeo per l'uso delle applicazioni mobili, coordinato a livello dell'Unione, per consentire ai cittadini di adottare misure di distanziamento sociale efficaci e più mirate e per scopi di allerta, prevenzione e tracciamento dei contatti al fine di contribuire a limitare la propagazione della malattia Covid-19. Questo approccio comporterà il monitoraggio della metodologia e la condivisione delle valutazioni dell'efficacia di tali applicazioni, della loro interoperabilità e delle loro implicazioni transfrontaliere, nonché del rispetto della sicurezza, della vita privata e della protezione dei dati legato al loro utilizzo; e

2) un piano comune per l'utilizzo di dati anonimizzati e aggregati sulla mobilità delle popolazioni al fine di: i) modellizzare e prevedere l'evoluzione della malattia; ii) monitorare l'efficacia del processo decisionale delle autorità degli Stati membri riguardo a misure quali il distanziamento sociale e il confinamento, e iii) improntare una strategia coordinata per uscire dalla crisi Covid-19. (…)

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=uriserv:OJ.L_.2020.114.01.0007.01.ENG&toc=OJ:L:2020:114:TOC

 

 

Diritti umani

(top)

 

Gli esponenti per I Diritti Umani premono per l’adozione immediata di una legge bipartisan e bicamerale dell’atto “Protezione dei Diritti Umani durante la Pandemia”

7 maggio 2020 - Oggi per la prima volta gli esponenti peri i Diritti Umani hanno sollecitato l’adozione immediata della '"Protezione dei diritti umani durante la Pandemic Act", legislazione bipartisan, bicamerale (disponibile qui) che imponeva al governo degli Stati Uniti di prendere provvedimenti importanti per rispondere a un'ondata globale di azioni imposte da parte di governi stranieri volti a limitare i diritti umani riconosciuti a livello internazionale sulla scia del COVID-19.

https://www.humanrightsfirst.org/press-release/human-rights-first-urges-swift-passage-bipartisanbicameral-protecting-human-rights// 

 

La legge naturale e l'imperativo dei principi senza tempo.

(di Solène Tadié)

5 maggio 2020 - Il filosofo francese Pierre Manent parla dei danni della moderna ideologia dei diritti umani e chiede un ritorno alla legge naturale per ripristinare la coesione sociale all'interno delle società occidentali.

I sistemi democratici occidentali sono sempre più afflitti da una guerra di diritti individuali che porta a una tirannia delle minoranze rispetto alle maggioranze. Due secoli dopo quanto predetto da Alexis de Tocqueville in “La democrazia in America” (che la democrazia poteva portare a una tirannia della maggioranza attraverso il sistema giudiziario), le nazioni occidentali devono affrontare ora una nuova minaccia, poiché la legge è sempre più progettata per rispondere alle richieste individuali piuttosto che garantire la stabilità delle istituzioni e la coesione sociale. Tale sistema fondato esclusivamente sulla dottrina dei diritti umani favorisce le norme dettate dalle emozioni sulla ragione e la giustizia.

https://www.ncregister.com/daily-news/natural-law-and-the-imperative-of-timeless-principles#When%3A2020-05-5+17%3A49%3A01//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Giornata Internazionale della Stampa: il COVID-19 non deve essere agente patogeno di repressione  

(di Saad Hammadi)

3 maggio 2020 - Con la diffusione di COVID-19, la repressione e la disinformazione hanno generalmente seguito la sua scia. I governi di tutto il mondo si preoccupano da una parte che la pandemia non venga sfruttata da alcuni diffondere pericolose informazioni errate sulla malattia e sulle terapie di cura, così danneggiando potenzialmente gli sforzi per combatterla. Allo stesso tempo, tuttavia, alcuni stessi governi stanno sfruttando questo momento sopprimere le informazioni in grado di arrecare disagio al governo stesso e sembrano utilizzare la situazione come pretesto per annullare le voci critiche.

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/05/covid-19-must-not-be-a-pathogen-of-repression// 

 

Affrontare l'impatto sproporzionato di COVID-19 su donne e bambine

30 aprile 2020 – Donne e bambine, già emarginate dal punto di vista socio-economico in molte società, diventano particolarmente vulnerabili nelle emergenze. A causa della pandemia di COVID-19, le donne e le bambine nei Paesi in via di sviluppo affrontano difficoltà sproporzionate e i progressi compiuti per colmare le lacune esistenti tra i sessi possono vacillare o addirittura annullarsi. Per tale motivo, è importante che le organizzazioni di sviluppo che si occupano di loro mantengano l’attenzione su progetti di inclusione sociale e di genere nel processo di recupero. La pandemia di COVID-19 è una crisi sanitaria che minaccia la sicurezza alimentare e si trasforma in crisi economica mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento, impedendo l'attività agricola e provocando rallentamenti economici. Le donne rappresentano una parte sostanziale dei produttori agricoli e dei gestori delle risorse naturali e tendono ad essere sfruttate in lavori a basso reddito o informali nei settori economici più colpiti dal COVID-19. Oggi, ACDI / VOCA ha pubblicato raccomandazioni di inclusione di genere e sociali per la programmazione e le operazioni interne durante la pandemia, poiché molte organizzazioni mirano a rilanciare il settore agricolo e aiutare i sistemi del mercato economico a funzionare meglio in un nuovo mondo socialmente distante. (...)

https://www.acdivoca.org/2020/04/addressing-the-disproportionate-impact-of-covid-19-on-women-and-girls/  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

 

Economia e sviluppo

(top)

 

FRANCIA - La Fondazione Schneider Electric si unisce a #GivingTuesdayNow, una giornata mondiale di risposta al COVID-19

7 maggio 2020 - Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione e dell'automazione dell'energia, ha annunciato la sua partecipazione a #GivingTuesdayNow, una giornata mondiale di donazione e unità, che si svolgerà il 5 maggio 2020 come risposta di emergenza a un'esigenza senza precedenti causata da COVID-19. Questa giornata è organizzata da GivingTuesday (promossa dalla Fondazione delle Nazioni Unite) e si terrà in aggiunta al GivingTuesday programmato annualmente che si svolgerà ancora il 1 ° dicembre 2020. Questo evento globale mira a ispirare la generosità di base, l'impegno dei cittadini, le imprese e la filantropia attivazione e supporto per le comunità e le organizzazioni no profit in tutto il mondo. #GivingTuesdayNow si concentra sulle opportunità di connessione e gentilezza per restituire alle comunità e alle cause colpite da COVID-19, praticando il distanziamento sociale sicuro. Per celebrare #GivingTuesdayNow, la Schneider Electric Foundation incoraggia dipendenti, fornitori, clienti e partner in tutto il mondo a contribuire al "Tomorrow Rising Fund" lanciato all'inizio di aprile per supportare le attività di risposta alle emergenze e di soccorso post-Covid-19. Questo "Fondo per il risveglio del domani" aiuterà le persone vulnerabili, senzatetto e anziane e le attività di ricostruzione a lungo termine e l'istruzione e la formazione professionale per i più svantaggiati nelle nostre comunità. Dipendenti e partner di Schneider Electric possono essere coinvolti facendo donazioni finanziarie o facendo volontariato. Tutte le donazioni finanziarie saranno abbinate dalla Fondazione Schneider Electric.

The Tomorrow Rising Fund si concentra su tre priorità:

Risposta: parte del denaro raccolto andrà ai più senzatetto, ai senzatetto e alle famiglie alle prese con la povertà, che vivono vicino alle entità Schneider.

Recupero: utilizzo di fondi raccolti per sostenere programmi di istruzione e formazione professionale. Schneider Electric mira a formare 1 milione delle persone più svantaggiate del mondo prima del 2025 come un passo vitale per modellare e ricostruire il futuro delle comunità colpite.

Resilienza: estendendo gli sforzi di raccolta fondi oltre la rete di 130.000 dipendenti di Schneider al più ampio ecosistema di partner e proponendo missioni volontarie digitali. Ogni settimana, i dipendenti Schneider coinvolgono e celebrano colleghi, famiglie e amici che hanno un impatto positivo

https://www.csrwire.com/press_releases/45122-Schneider-Electric-Foundation-Joins-GivingTuesdayNow-a-Global-Day-of-Giving-in-Response-to-COVID-19?tracking_source=rss

 

Nuovo fondo IFAD lanciato per prevenire la crisi alimentare nelle campagne alla luce del COVID-19

20 aprile 2020, Roma - Con la pandemia COVID-19 e il rallentamento economico che minacciano la vita e mezzi di sussistenza delle persone più vulnerabili del mondo, il Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (IFAD) oggi ha impegnato 40 milioni di dollari USA e ha lanciato un appello urgente per ulteriori fondi, a sostegno di agricoltori e comunità rurali per continuare a crescere, produrre e vendere cibo. Il nuovo fondo multi-donatore dell'IFAD, lo strumento di stimolo rurale povero COVID-19, mitigherà gli effetti della pandemia sulla produzione alimentare, sul mercato di accesso e sulla occupazione rurale. Come parte del più ampio quadro di risposta socio-economica delle Nazioni Unite, lo strumento garantirà che gli agricoltori nei paesi più vulnerabili abbiano accesso tempestivo a input, informazioni, mercati e liquidità. Oltre al proprio contributo, l'IFAD mira a raccogliere almeno $ 200 milioni in più dagli Stati membro, fondazioni e settore privato. Con i loro movimenti limitati al fine di contenere un'ulteriore diffusione del virus, molti piccoli agricoltori non sono in grado di accedere ai mercati per vendere prodotti o acquistare input, come semi o fertilizzanti. Anche le chiusure delle principali rotte di trasporto e i divieti di esportazione incidono negativamente sui sistemi alimentari. Poiché intere catene produttive vengono interrotte e la disoccupazione aumenta, cresce di conseguenza la vulnerabilità, che include braccianti “a giornata”, piccole imprese e lavoratori informali, spesso donne e giovani. Il ritorno alle campagne dei lavoratori in uscita dalle città colpite dai blocchi metterà ulteriormente a dura prova le famiglie rurali. Circa l'80% della popolazione più povera e insicura del mondo la gente vive nelle aree rurali. Anche prima dello scoppio della pandemia, oltre 820 milioni di persone soffrivano la fame ogni giorno. Un recente studio dell'Università delle Nazioni Unite ha avvertito che, nel peggiore dei casi, l'impatto economico della pandemia potrebbe spingere un ulteriore mezzo miliardo di persone nella povertà.

https://www.ifad.org/en/web/latest/news-detail/asset/41877895  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Povertà Zero e n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Fame Zero

 

Yunus: un’altra economia è necessaria. Per non ripetere gli stessi errori e salvare il pianeta.

(di Gabriella Canova)

20 aprile 2020 - La ripresa dopo la pandemia può essere un’occasione per non ripetere gli stessi errori che l’hanno causata. In un lungo articolo su Repubblica ne parla Muhammad Yunus, premio Nobel per la Pace 2006 e ideatore del microcredito che ha salvato dalla miseria 2 milioni di persone, l’84% donne.   La domanda che Yunus si pone è: riportiamo il mondo nella situazione nella quale si trovava prima del coronavirus o lo ridisegniamo daccapo? Prima di questo disastro avevamo dei problemi importanti: il cambiamento climatico che incombeva, la forbice sempre più ampia tra i più ricchi e  i più poveri del pianeta. Questioni non da poco, anzi, prevedevano entro pochi decenni che il nostro pianeta sarebbe diventato inabitabile per la maggioranza del genere umano. Cambiare direzione si può. Ora il coronavirus ha fatto tabula rasa e possiamo decidere quale direzione prendere per far ripartire l’economia. Possiamo farlo, questo sistema economico non ci è stato imposto da una divinità come le Tavole della Legge. Possiamo ripensare che “l’economia è uno strumento creato da noi uomini” e come tale può essere ripensato per “arrivare alla massima felicità collettiva possibile”.

https://www.peopleforplanet.it/yunus-unaltra-economia-e-necessaria//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 10 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Ridurre le disuguaglianze

 

 

Solidarietà

(top)

 

Il ruolo della Società Civile nei tempi di crisi

(di Nikhil Dey)

8 maggio 2020 - L'attuale pandemia di COVID-19 ci ha mostrato qualcosa che la maggior parte di noi non ha mai visto nel corso della propria vita: un gran numero di persone che non sono in grado di consumare due pasti al giorno. La tragedia è che il governo ha abbastanza e anche più alimenti per nutrire le persone durante questo periodo; il vero problema è la distribuzione, sia in termini di catene di approvvigionamento rotte, sia per l'insistenza del governo a limitare la distribuzione solo per i beneficiari ai sensi del National Food Security Act (NFSA – Legge per la Sicurezza Alimentare Nazionale), vale a dire i titolari di Carte per le Razioni Prioritarie. Tale approccio è imperfetto perché la NFSA ha molte limitazioni, portando all’esclusione di alcune delle comunità più povere, i nomadi, le comunità Adivasi e i poveri delle città. Inoltre, le Carte Razioni non sono utili ai lavoratori migranti bloccati al di fuori del proprio stato d'origine.

Costruire una rete di società civile. La società civile dovrà costruire una rete che attraversi tutto il paese. Sarà necessario mappare le diverse organizzazioni e i gruppi che forniscono assistenza in ogni distretto, quartiere e villaggio. Sarà possibile farlo perché abbiamo volontari e lavoratori — dal personale sul campo delle organizzazioni no profit agli insegnanti delle scuole governative — in tutto il paese e sappiamo chi possiamo contattare in qualsiasi luogo per qualsiasi informazione o assistenza. Il punto di forza della società civile risiede nel riconoscere e continuare ad essere le piccole unità decentralizzate che si sono assunte la responsabilità di tutta la propria area, identificando il numero di persone nell'area, i soccorsi necessari, le lacune nei soccorsi governativi, le sfide sul campo e altro. Riunendo tali unità e formando una rete, possiamo consentire a ognuna di queste di chiedere aiuto all'altra, come per procurarsi materiale o ricostruire le catene di approvvigionamento. Ancora più importante, la rete può avere una voce a livello nazionale per affermare che tutti hanno diritto a benefici, anche se non sono titolari di Carte di Razione o lavoratori attivi nell'ambito di NREGA.  

http://www.ipsnews.net/2020/05/role-civil-society-times-crisis/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=role-civil-society-times-crisis//

 

Solidarietà euro-africana contro la pandemia: nei laboratori DREAM di Sant'Egidio in Malawi i test per la diagnosi del COVID-19

8 maggio 2020 - Il laboratorio del centro DREAM di Balaka, zona rurale nel centro del Malawi, è da pochi giorni uno dei 7 centri del Paese per ricevere campioni ed eseguire i test per la diagnosi del COVID-19, e sarà al servizio di tutta la regione sudorientale del paese, come ha annunciato il Ministro della Salute Jappie Mhango in conferenza stampa a Lilongwe. È un risultato reso possibile dagli investimenti in risorse umane, formazione e strutture fatto negli ultimi 15 anni, che in una zona così povera e rurale possano funzionare strumenti e apparecchi di laboratorio sofisticati. L’intuizione del programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio è stata quella di comprendere che la sfida della lotta all’AIDS poteva trasformarsi in una chance per riorganizzare e far crescere i fragili sistemi sanitari dei paesi africani, a partire dall’adozione delle migliori tecnologie e protocolli disponibili, per uno standard di cura allo stesso livello dei paesi occidentali.

https://www.santegidio.org/index.php?staticURL=pageID/30284/itemID/35896/langID/it/Solidariet%c3%a0-euroafricana-contro-la-pandemia-nei-laboratori-DREAM-di-Sant-Egidio-in-Malawi-i-test-per-la-diagnosi-del-COVID19.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

ADRA avvia oltre 37 progetti in tutto il mondo per rispondere alla pandemia e per aiutare le comunità a riprendersi

30 aprile 2020, Silver Spring, MD – L’Agenzia Avventista di Sviluppo e Soccorso (ADRA) sta aiutando più di 2,4 milioni di famiglie in tutto il mondo, dove la vita è stata sconvolta dalla pandemia di coronavirus. ADRA ha avviato progetti di risposta al COVID-19 in 37 paesi per sostenere i lavoratori in prima linea, le famiglie a basso reddito, gli anziani e le persone che devono affrontare licenziamenti a seguito della crisi. “ADRA è sul campo dall'inizio dell’epidemia di coronavirus, rispondendo immediatamente e assistendo le aree con più necessità al mondo, aiutando le persone e le comunità ad affrontare le sfide sanitarie, sociali ed economiche senza precedenti causate dal COVID-19. Siamo qui per continuare a sostenere le famiglie vulnerabili, gli operatori sanitari in prima linea e le persone colpite da questa pandemia ", afferma Michael Kruger, Presidente di ADRA ... ADRA ha intensificato le operazioni di emergenza e adattato le proprie infrastrutture di soccorso in caso di calamità in oltre 120 paesi per rispondere alle diverse esigenze dell'epidemia di coronavirus. Le attività di soccorso d'emergenza includono la distribuzione alimentare e la sicurezza, formazione sulla comunicazione sanitaria per i lavoratori in prima linea, spedizioni di forniture mediche agli ospedali che servono le comunità vulnerabili, sforzi per far comprendere l’importanza della prevenzione e assistenza in denaro.

Guarda la risposta globale di ADRA su: https://adra.org/adra-provides-hope-during-coronavirus (...)

https://adra.org/news-release-adra-steps-up-u-s-and-global-covid-19-operations-to-aid-affected-communities-and-frontline-health-workers 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Il WFP attiva un hub umanitario globale in Cina per sostenere gli sforzi contro il CV -19

30 aprile 2020, Pechino - Oggi arriverà la prima spedizione di materiale umanitario, specifico di forniture mediche contro il COVID-19, in un Hub Umanitario Globale a Guangzhou, da dove verrà spedito in altri Hub delle Nazioni Unite in tutto il mondo, nonché direttamente ai paesi e alle regioni interessate. Istituito all'inizio di questo mese dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), con il sostegno del governo cinese, l'hub supporterà la risposta globale all’emergenza COVID-19 insieme alla comunità internazionale, tra cui le Nazioni Unite, i governi nazionali e altri partner umanitari. L'hub fornirà servizi di approvvigionamento strategico e di mantenimento delle scorte, oltre a facilitare lo spostamento di merci umanitarie salvavita nei paesi che affrontano la pandemia. L'hub gestisce anche servizi di aviazione per il trasporto di operatori umanitari. Tale hub fa parte di una rete di hub umanitari globali che il WFP sta istituendo a Liegi (Belgio) e Dubai (Emirati Arabi Uniti), dove vengono fabbricati i rifornimenti – insieme agli hub regionali in Etiopia, Ghana, Sudafrica, Malesia, Panama e Dubai. Questo sistema di hub a rete indirizzerà le linee di carico del personale medico e gli operatori sanitari direttamente in prima linea, con voli tra hub globali e regionali e una flotta di aerei più piccoli pronta a spostare merci e personale nei paesi prioritari. Per avviare rapidamente le operazioni, come soluzione provvisoria, il partner globale del WFP Alibaba è stato selezionato in modo competitivo per fornire servizi di hub commerciali attraverso la rete logistica Alibaba Cainiao.  

https://www.wfp.org/news/wfp-launches-global-humanitarian-hub-china-support-efforts-against-covid-19

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Trasformare delle tende vuote in unità d’isolamento per le comunità che affrontano il COVID-19 in Libano

27 aprile 2020 Fairfield, Connecticut – Dopo aver registrato i casi di COVID-19 tra rifugiati e comunità locali in Libano, Save the Children e i suoi partner stanno ristrutturando un ristorante, una fabbrica e altri sette edifici affinché’ possano essere utilizzati come centri d’isolamento. Stanno anche trasformando le tende vuote degli insediamenti di rifugiati nella valle della Beqa’ in unità d’isolamento, in modo che i pazienti possano auto-isolarsi all'interno dei campi. Migliaia di famiglie vulnerabili sono destinate ad affrontare l'epidemia di coronavirus con pochi mezzi a disposizione, in un paese che sta già soffrendo di una paralizzante crisi economica. Le squadre di Save the Children nella valle della Beqa’, al confine con la Siria, ristruttureranno i nove edifici abbandonati per poi consegnarli al Ministero della Salute, che li trasformerà in strutture sanitarie temporanee per un massimo di 1.000 pazienti COVID-19, libanesi ma anche siriani e rifugiati palestinesi. L'agenzia umanitaria internazionale sta anche trasformando le tende in unità d’isolamento presso 218 insediamenti informali, che ospitano 45.500 rifugiati, e fornirà alle comunità locali informazioni su come gestire un focolaio, in particolare sulle misure igieniche, il monitoraggio dei sintomi, la tracciabilità e l’isolamento dei contatti. Con oltre il 70% dei rifugiati in Libano che vivono al di sotto della soglia di povertà, in condizioni di sovraffollamento, l'autoisolamento è praticamente impossibile. (...)  

https://www.savethechildren.org/us/about-us/media-and-news/2020-press-releases/turning-tents-into-coronavirus-isolation-units-in-lebanon

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Pace e sicurezza

(top)

 

Combattiamo i virus del Covid, del nazionalismo e dell’egoismo

(di Massimiliano Menichetti)

9 maggio 2020 - In occasione del 70° anniversario della Dichiarazione di Schuman, giorno della festa dell’Europa, il cardinale Jean-Claude Hollerich, presidente della Comece, ribadisce la necessità di una grande rete di solidarietà per sconfiggere la pandemia, costruire la pace e non tradire i valori che fondarono il Vecchio continente.  Settant'anni dopo che il ministro degli Esteri francese Robert Schuman diede il primo impulso alla costruzione del progetto europeo, l’arcivescovo di Lussemburgo e presidente della Comece, la Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, il cardinale Jean-Claude Hollerich, sarà a Schengen, città dove nel 1985 fu firmato l'Accordo che regola l'apertura delle frontiere tra i Paesi firmatari. Un segno importante per ribadire la necessità di solidarietà, unità e pace, in questo tempo in cui la pandemia del Covid-19 flagella il mondo. “Abbiamo bisogno di un altro virus, il virus della solidarietà e della carità - ribadisce il porporato ai media vaticani - per capire che l’uomo non vive da solo”, perché “noi possiamo essere “umani” soltanto insieme con gli altri”. La festa dell'Europa celebra la pace e l'unità. Molti sono gli appelli e gli auspici affinché questo continente sappia tornare allo spirito dei Padri fondatori, sappia riscoprire le proprie radici cristiane. Accogliendo le parole del Papa: come si aggiorna l’idea di Europa?

https://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2020-05/hollerich-combattiamo-il-virus-covid-del-nazionalismo-e-egoismo.html//

 

Parliament si unisce a una trasmissuale virtuale su "La rilevanza della pace nell’era post-pandemica”

7 maggio 2020 - Venerdì 15 maggio il Parlamento delle Religioni del mondo si unisce a diversi oratori attraverso una trasmissione virtuale "La rilevanza della pace nell'era post-pandemica" ospitata dalla Fondazione Green Hope tramite Zoom. Il presidente del Parlamento, Audrey Kitagawa, sarà affiancato dal vescovo William Swing (presidente e fiduciario fondatore dell'URI), Jonathan Granoff (ambasciatore speciale del Parlamento e presidente del Global Security Institute), il dott. Iyad Abu Moghli (direttore dell'UNEP Faith For Earth) e Alyn Ware (Coordinatore globale dei parlamentari per la non proliferazione nucleare) in questa trasmissione moderata dal presidente fondatore della Green Hope Foundation, Kehkashan Basu.

https://parliamentofreligions.org/blog/2020-05-07-1910/parliament-join-virtual-broadcast-relevance-peace-post-pandemic-era//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Cooperazione internazionale: niente sarà come prima, ma cominciamo a costruire il "dopo"

(di Giampaolo Silvestri)

27 aprile 2020 - In che modo le organizzazioni della società civile rispondono alla pandemia di corona virus? Come le difficoltà economiche di Covid-19 mettono una stretta sulla società civile. Lo status quo non esiste più. Dopo COVID-19, niente sarà come prima - non in Italia, non in Europa e non per la cooperazione internazionale. Questa situazione richiede una risposta molto diversa da quella a cui ci siamo abituati. È proprio in questi periodi - quando sorge una situazione nuova e senza precedenti - che devono essere elaborate soluzioni non convenzionali. Il consenso generale è che il modo in cui le organizzazioni della società civile (CSO) hanno operato tradizionalmente dovrà cambiare, a partire dall'elaborazione dei progetti. Anche se questa pandemia non discrimina - potenzialmente influenzando allo stesso modo sulla salute di tutti gli individui - sappiamo che le disuguaglianze persistono. E combattiamo ovunque per difendere la dignità della persona. Di conseguenza, i CSO devono continuare ad attuare il loro lavoro in tutto il mondo.

https://www.avsi.org/en/news/2020/04/27/international-cooperation-nothing-will-be-like-before-but-lets-start-b/2045//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra e n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Ripensare la sicurezza internazionale per un mondo post-pandemico

(di Igor Ivanov)

20 aprile 2020 - Per la prima volta a memoria d’uomo, l'umanità sta affrontando una minaccia comune che deve riuscire a sconfiggere collettivamente. È tempo di iniziare a pianificare quando arriverà la vittoria finale. Il virus ci insegna che la gerarchia delle minacce alla sicurezza globale sta cambiando rapidamente e abbiamo a che fare con nemici radicalmente nuovi. Ciò richiede un cambiamento fondamentale nelle nostre priorità di sicurezza. La sicurezza nazionale non dovrebbe più essere definita esclusivamente dalle capacità militari di un paese. Le armi nucleari e altre armi moderne non sono in grado di combattere le pandemie, i cambiamenti climatici, la migrazione incontrollabile e altre sfide affrontate dall'umanità nel suo insieme e da ciascun paese individualmente. Ora vediamo chiaramente che molti dei vecchi strumenti che abbiamo ereditato dai tempi precedenti per garantire la sicurezza sono quasi inutili, consumando semplicemente enormi risorse che potrebbero essere reindirizzate nello sviluppo della scienza, dell'istruzione e della medicina.

https://carnegieendowment.org/publications/81584?utm_source=rss&utm_medium=rss//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

 

Salute

(top)

 

L’imperativo della cittadinanza aziendale durante la crisi

(di Colleen Olphert)

6 maggio 2020 /CSRwire/ - Originariamente pubblicato dal Boston College Center for Corporate Citizenship Da quando l’epidemia di COVID-19 è cominciata all’inizio di gennaio 2020, le società si sono fatte avanti per sostenere le prime risposte e i sanitari professionisti, rimuovere barriere all’assistenza sanitaria e fornire prodotti e servizi a impiegati, clienti e altri che ne presentassero la massima necessità. Tra loro in prima linea, FedEx ha risposto alla domanda di responsabilità sociale nel momento di necessità. FedEx sta utilizzando le sue più forti capacità per rispondere alle necessità critiche durante la crisi – la sua rete logistica e l’esperienza. Con più di 650 velivoli, 180.000 autotreni e 475.000 membri del personale che abbracciano 220 Paesi e territori, FedEx è ben collocata per essere un leader nell’affrontare gli obiettivi globali della pandemia. Infatti supportare gli sforzi per il soccorso e la ripresa correlate al COVID-19 ha senso data la strategia complessiva di FedEx; connettere le persone con beni, servizi, idee e tecnologie allo scopo di creare opportunità che alimentino l’innovazione, diano energia agli affari e potere alle comunità. Mentre gli eventi correlati alla pandemia si stanno ancora dispiegando, le azioni rapide di FedEx finora servono come caso di studio per compagnie che cercano di pensare oltre le linee di base e le buone cause e di più circa come far leva su operazioni chiave e sulle forze degli affari per arrecare realmente un impatto globale. (…)

https://www.csrwire.com/press_releases/45111-The-Corporate-Citizenship-Imperative-During-Crisis

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Giornata mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa 2020

5 maggio 2020 – Celebrare il meraviglioso lavoro dei sanitari e dei volontari in prima linea nella pandemia di COVID-19. Quest’anno noi evidenziamo la Giornata Mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa in circostanze senza precedenti. Nel mondo i sanitari e i volontari si sono mobilitati per rispondere alla pandemia di COVID-19. I sistemi sanitari in molti paesi sono già sotto sforzo con finanziamenti e risorse per le cure sanitarie limitati a causa dell’associarsi tra malattie endemiche, disastri naturali e conflitti prolungati. Poiché la pandemia di COVID-19 si muove verso paesi poveri di risorse e colpiti da conflitti, pone una sfida senza precedenti all’aumento del carico su sistemi sanitari già oberati e il suo impatto sulla popolazione più vulnerabile può essere catastrofico. Noi vogliamo dare voce alla nostra gratitudine per il loro lavoro, e al nostro debito per il loro servizio. Fare quello che fanno non è facile. Comunque, il nostro personale e i volontari vanno avanti.  

https://www.icrc.org/en/document/world-red-cross-and-red-crescent-day-2020//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Coronavirus – Africa: l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS), Programma Alimentare Mondiale (WFP) e l’Unione Africana (AU) inviano forniture critiche mentre il COVID-19 accelera nell’Africa Centrale e Occidentale

5 maggio 2020 – Appena due mesi dopo che il virus COVID-19 è stato riscontrato per la prima volta in Africa, la malattia si è ora diffusa attraverso il continente. Mentre il Sudafrica ha l’epidemia più severa dell’Africa subsahariana, l’Africa centrale e occidentale preoccpano per la crescita: il Camerun ha confermato più di 800 casi, mentre il Niger, la Costa d’Avorio e la Guinea hanno riportato una rapida crescita del numero dei casi nella scorsa settimana. L’OMS sta lavoranto a stretto contatto con il Programma Alimentare Mondiale (WFP), l’Unione Africana (AU), i governi nazionali e la Fondazione Jack Ma per assicurare che le forniture vitali raggiungano la popolazione con la massima necessità: sanitari di prima linea in Africa. Nei due giorni trascorsi otto Paesi hanno ricevuto forniture mediche.

https://www.africanews.com/2020/04/16/coronavirus-africa-world-health-organization-who-world-food-programme-wfp-and-the-african-union-au-deliver-critical-supplies-as-covid-19-accelerates-in-west-and-central-africa//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Coronavirus – Africa: l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS), Programma Alimentare Mondiale (WFP) e l’Unione Africana (AU) inviano forniture critiche mentre il COVID-19 accelera nell’Africa Centrale e Occidentale

5 maggio 2020 – Appena due mesi dopo che il virus COVID-19 è stato riscontrato per la prima volta in Africa, la malattia si è ora diffusa attraverso il continente. Mentre il Sudafrica ha l’epidemia più severa dell’Africa subsahariana, l’Africa centrale e occidentale preoccpano per la crescita: il Camerun ha confermato più di 800 casi, mentre il Niger, la Costa d’Avorio e la Guinea hanno riportato una rapida crescita del numero dei casi nella scorsa settimana. L’OMS sta lavoranto a stretto contatto con il Programma Alimentare Mondiale (WFP), l’Unione Africana (AU), i governi nazionali e la Fondazione Jack Ma per assicurare che le forniture vitali raggiungano la popolazione con la massima necessità: sanitari di prima linea in Africa. Nei due giorni trascorsi otto Paesi hanno ricevuto forniture mediche.

https://www.africanews.com/2020/04/16/coronavirus-africa-world-health-organization-who-world-food-programme-wfp-and-the-african-union-au-deliver-critical-supplies-as-covid-19-accelerates-in-west-and-central-africa//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Gli operatori antipolio distribuiscono sapone e informazioni in lotta contro il COVID-19

Gli Operatori Sociali Antipolio si fanno avanti per aiutare le comunità vulnerabili dell’

Afghanistan

29 aprile 2020 – In risposta alla pandemia di COVID-19, il programma antipolio ha dirottato migliaia di impiegati per combattere il virus. Indirizzando ad altro scopo l’ampia esperienza nell’eradicazione della poliomielite, il programma antipolio sta sostenendo la risposta nel Paese in settori che comprendono la diffusione dell’informazione, la sorveglianza della malattia, comunicazione dei rischi e trattamento dei dati. A Kandahar, un “epicentro del poliovirus” dove il programma ha un significativo numero di personale, i promotori sociali di comunità si sono fatti avanti in marzo per fornire tavolette di sapone e informazione sul COVID-19 ad alcune tra le più povere e più vulnerabili comunità dell’Afghanistan. I promotori sociali sono persone del luogo addestrate per comunicare con il pubblico riguardo specifici temi sanitari in modi che siano comprensibili e incoraggino i comportamenti per proteggere la salute. In Afghanistan l’UNICEF coordina una rete di 3.750 promotori. (…) Appena pochi giorni dopo la decisione di mobilitare le squadre antipolio per la risposta al COVID-19, la squadra di Kandahar ha distribuito migliaia di saponette e materiali educativi sul virus alle comunità nella provincia. Molte delle famiglie servite hanno un accesso limitato a prodotti o strutture per sanitizzazione adeguati. Fornire una saponetta e dare una dimostrazione del suo uso è una forma semplice di misura di prevenzione del COVID-19. Durante la distribuzione, le squadre enfatizzavano l’importanza di continuare l’immunizzazione di routine durante la pandemia, ricordando ai genitori di portare i loro figli presso le strutture sanitarie. Mentre le campagne porta a porta sono interrotte per momento, molti più bambini possono risultare vulnerabili alla poliomielite e ad altre malattie prevenibili con i vaccini se non ricevono vaccinazioni presso le cliniche sanitarie (…)

http://polioeradication.org/news-post/polio-workers-distribute-soap-and-information-in-fight-against-covid-19/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Energia e sicurezza

(top)

 

Siti di energia solare ed eolica mappati per la prima volta a livello globale

(dall’Università di Southampton)

4 maggio 2020 – I ricercatori dell'Università di Southampton hanno mappato le ubicazioni globali dei principali siti di energia rinnovabile, fornendo una risorsa preziosa per aiutare a valutare il loro potenziale impatto ambientale. Il loro studio, pubblicato sulla rivista Nature Scientific Data, mostra dove i parchi solari ed eolici hanno sede in tutto il mondo, dimostrando sia la densità delle loro infrastrutture in diverse regioni sia la loro potenza approssimativa. È il primo set di dati globale ad accesso aperto di siti generatori di energia eolica e solare. (...)

https://www.sciencedaily.com/releases/2020/05/200504150215.htm

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

COVID-19: In un contesto di "calo della domanda di energia" le energie rinnovabili invece crescono

30 aprile 2020 – Le fonti di energia pulita dovrebbero prevalere sino a raggiungere il 40% della produzione globale di elettricità nel 2020, afferma l’AIE. Secondo un nuovo rapporto dell'Agenzia internazionale dell'energia (AIE), le fonti rinnovabili di energia elettrica sono destinate a essere l'unica fonte di energia che crescerà nel 2020, nel contesto generale di un calo della domanda di energia derivante dalla pandemia globale di coronavirus. Dopo aver sorpassato il carbone per la prima volta nel 2019, le fonti rinnovabili e le fonti di elettricità a basse emissioni di carbonio sono destinate quest'anno a diventare prevalenti sino a raggiungere il 40% della produzione globale di elettricità.

https://renews.biz/59992/covid-19-renewables-grow-amid-plunging-energy-demand/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

La crisi di Covid-19 spazzerà via la domanda di combustibili fossili, afferma l'AIE

(di Jillian Ambrose)

30 aprile 2020 - Secondo il “cane da guardia” mondiale dell'energia, l'elettricità rinnovabile sarà l'unica fonte resiliente al più grande shock energetico globale degli ultimi 70 anni, innescato dalla pandemia di coronavirus. (...) Il costante aumento delle energie rinnovabili combinato con il crollo della domanda di combustibili fossili comporta che quest'anno l'elettricità pulita avrà un ruolo più importante di sempre nel sistema energetico globale e contribuirà a cancellare un decennio di crescita delle emissioni globali di carbonio.

https://www.theguardian.com/business/2020/apr/30/covid-19-crisis-demand-fossil-fuels-iea-renewable-electricity

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

AMERICAN WIND ENERGY ASSOCIATION - ASSOCIAZIONE AMERICANA PER L'ENERGIA EOLICA – L'industria eolica americana chiude bene il primo trimestre

30 aprile 2020 – Nonostante le incertezze dovute all'epidemia del COVID-19, l'industria eolica americana ha iniziato bene l'anno con i primi tre mesi del 2020 che hanno registrato un record nella costruzione e nell'attività di fornitura di energia. Il rapporto dell'Associazione Americana per l'Energia Eolica (AWEA) ha rivelato che gli sviluppatori del progetto hanno installato più del doppio della capacità eolica nei primi tre mesi del 2020 rispetto al primo trimestre del 2019. Gli sviluppatori hanno anche iniziato la costruzione di un impianto da 4.124 MW di energia eolica, portando il totale dell'attività a 24.690 MW.

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=831272&cat=;141;88&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

L'accordo verde "potrebbe far ripartire l'economia europea" – Un organismo UE afferma che gli investimenti nell'energia pulita potrebbero favorire la ripresa post COVID-19

28 aprile 2020 – La Federazione europea delle energie rinnovabili (EREF) ha esortato l'Europa a intensificare gli sforzi per decarbonizzare, anche nel mezzo della pandemia di COVID-19. (...) Nella sua dichiarazione, l'EREF ha esortato i leader mondiali a "legare intrinsecamente" alle iniziative del Green Deal i pacchetti di stimolo di recupero e a riavviare le economie con un focus sulla distribuzione di energie rinnovabili in tutti i settori. L'organismo ha affermato che l'integrazione dello stimolo economico e del Green Deal comporterebbe investimenti diretti in soluzioni non solo innovative ma anche neutre in termini di emissioni di carbonio.

https://renews.biz/59952/europe-must-use-green-deal-to-restart-economy/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

 

Ambiente e natura

(top)

 

Un'opportunità cruciale per cambiare dopo la pandemia del COVID-19

Un messaggio dal Direttore Generale Internazionale del WWF Marco Lambertini rivolto ai donatori e ai partner di tutto il mondo.

6maggio 2020 – Vi scrivo in questa giornata con un profondo senso di tristezza in merito agli effetti dell'attuale crisi causata dal COVID-19 – ma al tempo stesso voglio darvi un messaggio di speranza affinché possiate rispondere a questo mio appello. Insieme possiamo imparare molto dalla realtà che siamo costretti ad affrontare, tracciando un percorso sostenibile verso un futuro più stabile, prospero e salutare per tutti. Ovviamente stiamo tutti affrontando dei tempi difficili. Lo scoppio dell'emergenza COVID-19 ci ha preso in contropiede: molte vite sono andate perdute, le persone sono rimaste isolate, le risorse ne hanno risentito pesantemente e le economie sono precipitate. Posso offrire tutta mia più sentita empatia e compassione a chi ha sofferto per le tragiche e terrificanti conseguenze causate dalla pandemia – e un mio sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato nell'ambito sanitario che hanno messo la loro vita in prima linea, così come tutte le altre persone che, a discapito dei rischi, hanno continuato a lavorare dall'approvvigionamento alimentare a tutti gli altri servizi utili e necessari. Comprendo bene le spesso caotiche conseguenze di questa crisi che ha richiesto capi di livello per farci sentire in mani sicure. E noi del WWF siamo stati fortunati ad avere molte persone così tra di noi e con i nostri partner, che da decenni affrontano con fermezza le crisi del cambiamento climatico e le perdite a livello ambientale e naturale. Questa fonte inesauribile di esperienza insieme allo spirito di collaborazione del WWF – quello che noi insieme chiamiamo “insieme è possibile” - si impegna a continuare il nostro lavoro di conservazione della natura ovunque possibile. Probabilmente vi sarete sentiti rincuorati davanti alle scene della fauna selvatica avventurarsi per le città deserte, ma gli effetti di questa pandemia sulla conservazione delle specie in tutto il mondo, così come molto altro, sono stati anche dannosi – da limitare gli sforzi più difficili fatti per preservare la fauna selvatica, ai drastici cali delle entrate turistiche basate sulla natura su cui fanno affidamento molte aziende e comunità. Ma il rischio più grande è non imparare quello che questa crisi sta ovviamente cercando di dirci. (…)

https://updates.panda.org/a-crucial-opportunity-for-change-following-the-covid-19-pandemic 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

INTERNATIONAL RENEWABLE ENERGY AGENCY – AGENZIA INTERNAZIONALE PER L'ENERGIA RINNOVABILE – La Coalizione per l'Azione di IRENA chiede un recupero ecologico basato sulle energie rinnovabili

5 maggio 2020 Il COVID-19 sta seriamente mettendo a dura prova le comunità e i mezzi di sussistenza a loro disposizione, per questo sono necessarie delle risposte rapide ed efficaci per contenere gli effetti a lungo termine della crisi. Più di 100 importanti nomi nel campo delle energie rinnovabili hanno risposto alla chiamata e si sono riuniti sotto IRENA Coalition for Action così da redigere un piano concreto sulle regole che i governi dovranno seguire per garantire una ripresa economica duratura che si allinei con gli obiettivi per la sostenibilità climatica. La recente prospettiva globale sulle energie rinnovabili di IRENA rileva che allineare gli sforzi per la ripresa post COVID-19 con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile richiederà dei piani politici completi, un'ingente mobilitazione delle risorse e una cooperazione internazionale rafforzata che porterebbe però a un notevole guadagno socio-economico a livello globale.

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=831653&cat=;91;90&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

Gli ecovillaggi propongono ascolto e pratiche di condivisione per superare questa crisi

(di Cristina Diana Bargu)

22 Aprile 2020 - Ascolto e sostegno reciproco, meditazioni e letture, condivisioni a distanza di saperi e di pratiche. Queste alcune delle prime proposte in arrivo dagli ecovillaggi italiani, mentre prende il via la riflessione collettiva sul futuro post-covid, da costruire all’insegna dell’ecologia, della giustizia sociale e dell’inclusività.

https://www.italiachecambia.org/2020/04/ecovillaggi-propongono-ascolto-pratiche-di-condivisione//

 

 

Religione e spiritualità

(top)

 

ASIA/MYANMAR - 14 maggio, Giornata di preghiera per chiedere la fine della pandemia e della guerra

8 maggio 2020 - Yangoon (Agenzia Fides) - Una preghiera speciale per chiedere la guarigione dal coronavirus e la fine della guerra nel paese: con questo spirito, la Conferenza episcopale cattolica del Myanmar ha annunciato la sua partecipazione alla "Giornata di preghiera, di digiuno e di opere di beneficenza", indetta a livello universale dall'Alto Comitato per la Fraternità umana, per implorare Dio di aiutare l'umanità a superare la pandemia di coronavirus. L'appello è stato rilanciato da Papa Francesco e dal Grand Imam di Al Azhar, lo sceicco Ahmed al Tayyeb. Purtroppo in molti paesi, come il Myanmar, la pandemia si combina con la parola guerra.

http://www.fides.org/en/news/67878-ASIA_MYANMAR_Day_of_prayer_on_May_14_to_ask_for_an_end_to_the_pandemic_and_war//

 

Covid-19, Appello interreligioso all'azione

8 maggio 2020 - Le tradizioni religiose e spirituali del mondo condividono valori comuni che hanno risuonato in tutto il mondo in mezzo alla pandemia di COVID-19. Questi valori stanno unendo l'umanità, dal villaggio più remoto e dalle comunità di base ai leader più anziani. Ogni tradizione spirituale sostiene il valore e la dignità innata in ogni persona. In tempi dominati dalla confusione e dalla paura, le diverse tradizioni di fede invitano tutte le persone a prendersi profondamente cura l'una dell'altra promuovendo la pace, la speranza e la solidarietà all'interno e all'esterno delle loro comunità.

https://rfp.org/an-interfaith-call-to-action//

 

Il Parlamento co-sponsorizza il Servizio Nazionale di Preghiera Interreligiosa per la Guarigione e la Speranza

7 maggio 2020 - Il Parlamento delle religioni del mondo insieme a Religions for Peace USA, Temple of Understanding, North American Interfaith Network (NAIN), United Religions Initiative (URI), Temple of Ara, Faith in Public Life, The Interfaith Observer, Il Consiglio dei rabbini di New York, la Tri-Faith Initiative, il Centro interreligioso di New York e i Baha'i degli Stati Uniti hanno partecipato all'osservanza annuale della Giornata nazionale di preghiera degli Stati Uniti del 7 maggio.

https://parliamentofreligions.org/blog/2020-05-07-1339/parliament-co-sponsors-national-interfaith-prayer-service-healing-hope//

 

Gli ordini monastici e il coronavirus, le Brigidine proseguono la loro missione apostolica

(di Alberto Carosa)

7 Maggio 2020 - La vita monastica, svolta tra preghiera e lavoro all'interno della comunità, non ci fa sentire molto lo stato di emergenza, anche perché in genere non uscivamo se non per necessità. Così è infatti delineato il nostro tipo di vita, come quello della casa di Nazareth, che la Santa Madre Elisabetta Hesselblad volle dare a noi a modello della nostra vita quotidiana: "preghiera, lavoro e sacrificio". Il nostro tipo di vita ci permette di vivere insieme le Ore liturgiche della Chiesa, distribuite nell'arco della giornata: Lodi mattutine, Ufficio delle Letture, Ora Media, preghiera dei Vespri e Compieta, oltre alla Celebrazione Eucaristica, all'Adorazione e alla meditazione; le sorelle quindi sono in preghiera per circa 5 ore al giorno. Siamo consapevoli dell’immenso valore della preghiera per implorare l'aiuto del Signore e la salvezza delle anime.

https://www.acistampa.com/story/gli-ordini-monastici-e-il-coronavirus-le-brigidine-proseguono-la-loro-missione-apostolica-14126//

 

Covid -19, prime adesioni dei leader mondiali alla Preghiera per l'umanità

5 maggio 2020: stanno iniziando ad arrivare autorevoli adesioni di leader politici - in particolare quelli mediorientali - e rappresentanti di organismi internazionali in merito all'appello promosso in questi giorni dal Comitato superiore per la fraternità umana, che ha annunciato una giornata di preghiera, digiuno e supplica di chiedere a Dio di proteggere l'umanità dalla pandemia di coronavirus. L'appello, rilanciato immediatamente da papa Francesco e dal Grand Imam di Al Azhar, lo sceicco Ahmed al Tayyeb, è stato accolto con "gioia" a nome di tutto il popolo palestinese da M.Abbas, presidente della Palestina. Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, il portoghese Antonio Guterres, ha espresso la sua adesione via twitter all'appello del Comitato per la Fraternità umana. "In tempi difficili" recita il messaggio diffuso da Guterres "dobbiamo stare insieme per la pace, l'umanità e la solidarietà. Il Comitato superiore per la fraternità umana, presieduto dal cardinale Miguel Angel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, è stato istituito per ultimo Agosto, pochi mesi dopo l'incontro ad Abu Dhabi (4 febbraio 2019), durante il quale papa Francesco e il grande imam di Al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, hanno firmato il "Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza comune" Il Comitato superiore, istituito per promuovere gli obiettivi e il contenuto del documento di Abu Dhabi, è attualmente composto da otto membri, tra cui M. Bruce Listig, rabbino senior della congregazione ebraica di Washington.

http://www.fides.org/en/news/67855-ASIA_MIDDLE_EAST_Covid_19_first_accessions_of_world_leaders_to_the_Prayer_for_Humanity

 

ASIA/INDIA - I leader religiosi uniti per combattere il Covid-19; uno stato indiano sovvenziona le comunità religiose

4 maggio 2020 - Hyderabad (Agenzia Fides) -  In India i leader religiosi si uniscono per combattere il Covid-19: all'Agenzia Fides è giunta la notizia che i leader religiosi di diverse fedi (indù, cristiani, musulmani, sikh) e varie organizzazioni interreligiose hanno stretto un accordo di collaborazione per aiutare a contenere la diffusione del Covid-19 in India. In una dichiarazione congiunta, inviata all'Agenzia Fides, le organizzazioni affermano di "voler svolgere un ruolo costruttivo per il bene comune unendo persone di tutte le fedi". I leader intendono "parlare con una sola voce", concentrando gli sforzi sul servizio e sull'unità mentre il paese affronta la pandemia. Il testo dice che le religioni mirano a "evitare il pregiudizio, il senso di esclusione, la superstizione e il fanatismo diffusi in nome della religione", consentono che prevalga "l'approccio scientifico per combattere il virus", pur continuando nel proprio impegno spirituale e materiale. "La religione è probabilmente il mezzo più potente per mobilitare la coscienza umana a servire il bene comune: ci uniamo come un'unica forza per dare slancio all'azione per superare la pandemia".

http://www.fides.org/en/news/67836-ASIA_INDIA_Religious_leaders_united_to_fight_Covid_19_an_Indian_state_subsidizes_religious_communities//

 

 

Cultura e educazione

(top)

 

Non abbiate paura

(di Federico Lombardi)

9 maggio 2020 - Il mondo è pieno anche di buone notizie. È un dovere riconoscerle e farle conoscere, perché sono quelle che guidano più lontano e indirizzano lo sguardo verso l’alto. “Non temere! Perché io sarò con te!”. Sono parole che tornano molte volte attraverso tutte le Scritture. Sono le parole rivolte da Dio stesso o in suo nome a chi viene chiamato da lui a una missione impegnativa e inattesa, per vie ancora sconosciute, come Mosè davanti al roveto ardente o Maria davanti all’Angelo. “Non abbiate paura!”. Sono parole rivolte dai profeti al popolo oppresso dall’angoscia, come quando è stretto senza vie d’uscita fra il Mar Rosso e i carri da guerra degli Egiziani. Anche Gesù le riprende varie volte rivolgendosi ai suoi discepoli, al “piccolo gregge” che lo segue, o a coloro che subiranno persecuzioni per il suo nome. Per questi Gesù insiste che non dovranno temere nessuna forza umana, perché questa può togliere la vita del corpo ma non quella dell’anima e perché nel tempo della prova Dio non li abbandonerà. La grande parola “Non abbiate paura!”, come ricordiamo bene, è stata ripresa con insistenza in tempi più vicini a noi da San Giovanni Paolo II fin dall’inizio del suo pontificato e rivolta al mondo intero: “Non abbiate paura! Aprite le porte a Cristo!”. In fondo, la fede in Cristo salvatore è proprio – per tutti - la grande e definitiva liberazione dalla paura. La pandemia, anche quando sia superata stabilmente grazie a un vaccino efficace, ci lascerà in ogni caso un’eredità di insicurezza, diciamo pure di nascosta paura, pronta a riaffiorare. Ora sappiamo che, nonostante ogni sforzo e ogni giusto impegno per la riduzione dei rischi, potranno comparire e sfuggire al controllo altri virus o altre forze capaci di prenderci di sorpresa e mettere in crisi le nostre tranquillità e le nostre sicurezze. Perché la sicurezza assoluta su questa terra non esiste, non è possibile. E non esisterà mai anche in futuro. Certamente dobbiamo aspettarci dalla scienza e dalla organizzazione sociale e politica, in generale dalla ragionevolezza umana, un aiuto essenziale per recuperare la tranquillità necessaria per una vita personale e sociale serena e “normale”. Ma rimane il bisogno di qualcosa di più profondo per cui queste risposte non bastano.

https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2020-05/non-abbiate-paura-padre-federico-lombardi-oltre-crisi.html//

 

Essere ed insegnare ai tempi del coronavirus

8 maggio 2020 - Gli insegnanti dell’Istituto Sansepolcro hanno partecipato a un incontro online per riflettere su come riorganizzare la didattica e comunicare con gli alunni in questo periodo delicato.  Le attività del progetto “Piccoli che Valgono!” sono proseguite anche durante la quarantena e il 23 marzo l’Associazione Il Timone ha realizzato un incontro online rivolto agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto Sansepolcro, in modo da fornire spunti di riflessione e strumenti pratici per riorganizzare positivamente la propria vita e il rapporto con gli alunni.

https://www.manitese.it/essere-ed-insegnare-ai-tempi-del-coronavirus//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Settimana Mondo Unito: siamo "In tempo per la pace", nulla ci può fermare

(di Adriana Masotti)

7 maggio 2020 - La Settimana Mondo Unito è una sorta di expo’ internazionale che vuol mostrare storie, azioni, iniziative che, in ogni parte del mondo, contribuiscono a realizzare tra le persone e i popoli la fraternità, l’unità e la pace. Lanciato dai giovani del Movimento dei Focolari l'evento, quest'anno in versione online, a causa dell’epidemia del Covid-19, è promosso in collaborazione con diverse altre realtà associative e si svolge dal 1 al 7 maggio. L'evento è stato trasmesso dal sito web www.unitedworldproject.org e attraverso i social collegati, così per giovani e adulti di circa 70 Paesi è stato possibile seguire, momento per momento, ciò che stava avvenendo in Italia, o negli Usa, in Australia o nella Repubblica Democratica del Congo e ancora a Concepcion in Cile, a Ho chi Minh in Vietnam, a Vancouver in Canada, in varie regioni della Nigeria, a Prienai in Lituania, fino a Seúl in Corea. Lanciata dai giovani del Movimento dei Focolari nel maggio del 1995, l’iniziativa vede la partecipazione di tanti altri movimenti, associazioni, istituzioni, comunità che operano per la pace e la fraternità fra i popoli.

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2020-05/settimana-mondo-unito-giovani-focolari-pandemia-unita-pace.html//

 

Dalla parte della Terra. Boff, il mondo dopo il coronavirus.

(di Pierluigi Mele)

4 Maggio 2020 - Quale progetto per ricostruire il “mondo post-coronavirus”? Quali priorità? Di seguito pubblichiamo una interessante riflessione del teologo brasiliano Leonardo Boff.

“Molti l’hanno predetto chiaramente: dopo il coronavirus, non sarà più possibile continuare il progetto del capitalismo come modo di produzione, né del neoliberismo come la sua espressione politica. Il capitalismo è buono solo per i ricchi; per il resto è un purgatorio o un inferno, e per la natura, una guerra senza tregua.  Ciò che ci sta salvando non è la concorrenza – il suo principale motore – ma la cooperazione, né l’individualismo – la sua espressione culturale – ma l’interdipendenza di tutti e tutte con l’umanità intera.  Ma andiamo al punto centrale: abbiamo scoperto che il valore supremo è la vita, non l’accumulo di beni materiali. L’apparato bellico che abbiamo, capace di distruggere più volte la vita sulla Terra, si è rivelato ridicolo di fronte a un invisibile nemico microscopico che minaccia tutta l’umanità. Potrebbe essere il Next Big One (NBO) che i biologi temono, “il prossimo grande virus” che distruggerà il futuro della vita? Non lo pensiamo. Speriamo che la Terra abbia ancora compassione per noi e ci stia dando solo una sorta di ultimatum.”

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/boff-il-mondo-dopo-il-coronavirus-799092f7-1898-4bce-a334-cae3ffd1aa2a.html//

 

Ripensare il mondo in chiave interculturale

(di Marco Emanuele)

3 maggio 2020 - La frontiera della politica è nell’interculturalità, nel (ri)congiungimento strategico e dialogale, certo anche dialettico e conflittuale, delle infinite storie che si confrontano tra competizioni e cooperazioni, tra inclusioni e scarti, tra integrazioni e disintegrazioni. Ripensare il mondo in chiave interculturale non significa mettere insieme le differenze ma, al contrario, cambiare prospettiva. Interculturalità fa rima con inter-in-dipendenza, collocando le differenze sul piano non omologante del loro “abbandonarsi” per (ri)trovarsi nell’altro che portano dentro. Non esiste la purezza dell’essere differenti ma la “potenziale possibilità” dell’esserlo in un “vincolo virtuoso” che non penalizza ma valorizza, che non omologa ma (ri)crea. L’inter-in-dipendenza è un mosaico interculturale laddove ciò che lo lega è il respiro del tutto in ogni parte e di ogni parte nel tutto. Osservando politicamente, è il “comune” che si fa storia.

https://formiche.net/2020/05/ripensare-mondo-chiave-interculturale//

 

 

* * * * * * *

(top)

 

 

 

Good News Agency è pubblicata mensilmente (tranne agosto) con traduzioni a sua cura. Tutti i numeri precedenti sono disponibili al sito http://www.goodnewsagency.org. Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 265-2000 del 20.6.2000. Iscrizione al R.O.C n. 11060 del 16.2.2005.

Direttore responsabile ed editoriale: Fabio Gatti (fabio.gatti@goodnewsagency.org). Ricerche editoriali: Fabio Gatti, Isabella Strippoli, Elisa Minelli, Salvatore Caruso Motta, Chiara Damilano, Francesco Viglienghi, Carlo Toraldo, Andrea Landriscina, Nazzarena Franco. Traduttori: Silvia Ansaloni, Arianna Ciocca, Eleonora Ferrante, Chiara Gessi, Giuliano Giannone, Pamela Mariotti, Ilaria Nannini, Paolo Pagin, Martina Parovel, Manuela Sassi, Isabella Strippoli, Simona Valesi. Webmaster e copertura media e ONG: Simone Frassanito (simone.frassanito@goodnewsagency.org). 

 

Good News Agency è distribuita gratuitamente nel mondo per via telematica a media e giornalisti redazionali della stampa quotidiana e periodica, della radio e della televisione, a ONG e associazioni di servizio, a scuole superiori e università e ad oltre 26.000 Rotariani.

 

È un servizio di puro volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, fondata nel 1979, ente morale con D.M. 24-5-1999 pubblicato sulla G.U. n. 135 dell’11-6-1999. L’Associazione opera per lo sviluppo delle coscienze e promuove una cultura della pace nella prospettiva del ‘villaggio globale’ basato sull’unità nella diversità e sulla condivisione.  

L’Associazione ha sede in Roma, Piazzale degli Eroi 8. È iscritta al Registro della Regione Lazio delle associazioni di promozione sociale, alla World Association of Non Governmental Organizations (WANGO) e alla Union of International Associations (UIA).

 

* http://decade-culture-of-peace.org/2010_civil_society_report.pdf Nella sezione A, Organizzazioni Internazionali, pag. 12, il Rapporto dice: “La diffusione e lo scambio dell’informazione di una cultura di pace tramite Internet è diventata il principale strumento per diverse organizzazioni internazionali, tra cui spiccano Culture of Peace News Network, Good News Agency e  Education for Peace Globalnet.”

Good News Agency

Nonostante tutto, una cultura di pace sta emergendo in tutti i campi dello sforzo umano

 

Good News Agency - l’agenzia delle buone notizie - riporta notizie positive e costruttive da tutto il mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni non-governative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita, notizie che non si “bruciano” nell’arco di un giorno. È distribuita gratuitamente per via telematica nel mondo a media e giornalisti di redazione, ONG e associazioni di servizio, scuole superiori e università. È un servizio di volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, ente morale educativo associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle Nazioni Unite. Sostiene ilMovimento Globale per la Cultura di Pace.Nel rapporto conclusivo sul progetto del Decennio per una Cultura di Pace (2001-2010) consegnato al Segretario-Generale ONU per la presentazione all'Assemblea Generale), Good News Agency è inclusa tra le tre ONG che svolgono un ruolo importante nel campo della informazione per la promozione di una cultura di pace tramite Internet.*

 

Sommario

Legislazione internazionaleDiritti umaniEconomia e sviluppoSolidarietà

Pace e sicurezzaSaluteEnergia e sicurezzaAmbiente e natura

Religione e spiritualitàCultura e educazione

 

 

Legislazione internazionale

(top)

 

Nazioni Unite - Consiglio economico e sociale - Commissione economica per l'Europa - Organizzazione Mondiale della Sanità, Ufficio regionale per l'Europa - Riunione delle parti del protocollo sull'acqua e la salute alla convenzione sulla protezione e l'uso dei corsi d'acqua e laghi transfrontalieri e internazionali - Quinta sessione.

28 aprile 2020 - Programma di lavoro per 2020-2022 (...)

3. Il protocollo è un potente strumento per promuovere e rendere operativa la realizzazione dell'Agenda 2030 nella regione paneuropea. Il protocollo è stato precursore degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile pertinenti all'acqua, ai servizi igienico-sanitari e alla salute. Ha messo la regione sulla buona strada promuovendo l'integrazione delle politiche in un approccio olistico e preventivo per ottenere servizi idrici e sanitari gestiti in modo sicuro e un accesso universale ed equo per tutti, in tutti gli ambienti. (...)

4. Il protocollo e l'agenda 2030 si rafforzano a vicenda. I Paesi hanno beneficiato della loro attuazione congiunta dall'adozione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, che ha portato all'ampliamento del campo di applicazione delle attività previste dal protocollo per allinearsi pienamente alle esigenze della regione. (...)

5. Il protocollo offre un quadro pratico per la pianificazione e la responsabilità per aiutare i Paesi a tradurre le aspirazioni dell'Agenda 2030 in obiettivi, traguardi e azioni nazionali tangibili che tengono conto delle circostanze nazionali promuovendo nel contempo un approccio intersettoriale. Fornisce orientamento e strumenti pratici che facilitano l'attuazione degli obiettivi e degli obiettivi dell'Agenda 2030 e il rafforzamento delle capacità tecniche a livello nazionale e regionale. (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/G20/106/41/pdf/G2010641.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere e n. 14 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite La Vita sott’acqua

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Settantaquattresima sessione - Punto 123 dell'ordine del giorno - Rafforzamento del sistema delle Nazioni Unite - Risoluzione adottata dall'Assemblea generale il 20 aprile 2020 - Cooperazione internazionale per garantire l'accesso globale a medicinali, vaccini e attrezzature mediche affrontare COVID-19

21 aprile 2020 - L'Assemblea Generale (...)

3. incoraggia gli Stati membri a collaborare con tutte le parti interessate per aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo di vaccini e medicinali, a sfruttare le tecnologie digitali e rafforzare la cooperazione scientifica internazionale necessaria per combattere il COVID-19 nonché a rafforzare il coordinamento, includendo il settore privato, verso un rapido sviluppo, produzione e distribuzione di diagnostica, medicinali antivirali, dispositivi di protezione individuale e vaccini, aderendo agli obiettivi di efficacia, sicurezza, equità, accessibilità e convenienza;

5. chiede al Segretario Generale, in stretta collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, di adottare le misure necessarie per coordinare e seguire efficacemente gli sforzi del sistema delle Nazioni Unite per promuovere e garantire l'accesso globale a medicinali, vaccini e attrezzature mediche necessarie per affrontare COVID-19, (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N20/101/42/pdf/N2010142.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Partnership per gli Obiettivi

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Consiglio dei diritti umani - Quarantatreesima sessione - Punto 3 dell'ordine del giorno - Alloggio adeguato quale componente del diritto a un tenore di vita adeguato e del diritto alla non discriminazione in questo contesto

17 aprile 2020 - Il Consiglio dei diritti umani (...)

1. Invita gli Stati a:

a) tenere in debita considerazione l'integrazione del diritto umano a un alloggio adeguato nell'attuazione della nuova agenda urbana e dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile;

b) adottare misure urgenti per porre rimedio al problema degli alloggi inadeguati e migliorare le condizioni di vita delle persone che risiedono in insediamenti informali, conformemente al diritto internazionale dei diritti umani; (...)

e) collaborare con le comunità e gli individui interessati per sviluppare e promuovere la progettazione, la costruzione e la manutenzione di alloggi sostenibili dal punto di vista ambientale e sani per affrontare gli effetti dei cambiamenti climatici garantendo nel contempo il diritto a un alloggio adeguato; (...)

i) garantire l'eguale diritto delle donne a un alloggio adeguato come componente del diritto a un tenore di vita adeguato, in tutti gli aspetti delle strategie abitative, (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/LTD/G20/095/88/pdf/G2009588.pdf?OpenElement

 

RACCOMANDAZIONE (UE) 2020/518 DELLA COMMISSIONE dell'8 aprile 2020 relativa a un pacchetto di strumenti comuni dell'Unione per l'uso della tecnologia e dei dati al fine di contrastare la crisi Covid-19 e uscirne, in particolare per quanto riguarda le applicazioni mobili e l'uso di dati anonimizzati sulla mobilità

14 aprile 2020 – LA COMMISSIONE EUROPEA (…) HA ADOTTATO LA PRESENTE RACCOMANDAZIONE:

SCOPO DELLA RACCOMANDAZIONE

1) La presente raccomandazione istituisce un processo per lo sviluppo di un approccio comune, denominato «pacchetto di strumenti», volto all'uso dei mezzi digitali per affrontare la crisi. Il pacchetto di strumenti si comporrà di misure pratiche finalizzate all'uso efficace delle tecnologie e dei dati, con particolare attenzione su due aspetti:

1) un approccio paneuropeo per l'uso delle applicazioni mobili, coordinato a livello dell'Unione, per consentire ai cittadini di adottare misure di distanziamento sociale efficaci e più mirate e per scopi di allerta, prevenzione e tracciamento dei contatti al fine di contribuire a limitare la propagazione della malattia Covid-19. Questo approccio comporterà il monitoraggio della metodologia e la condivisione delle valutazioni dell'efficacia di tali applicazioni, della loro interoperabilità e delle loro implicazioni transfrontaliere, nonché del rispetto della sicurezza, della vita privata e della protezione dei dati legato al loro utilizzo; e

2) un piano comune per l'utilizzo di dati anonimizzati e aggregati sulla mobilità delle popolazioni al fine di: i) modellizzare e prevedere l'evoluzione della malattia; ii) monitorare l'efficacia del processo decisionale delle autorità degli Stati membri riguardo a misure quali il distanziamento sociale e il confinamento, e iii) improntare una strategia coordinata per uscire dalla crisi Covid-19. (…)

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=uriserv:OJ.L_.2020.114.01.0007.01.ENG&toc=OJ:L:2020:114:TOC

 

 

Diritti umani

(top)

 

Gli esponenti per I Diritti Umani premono per l’adozione immediata di una legge bipartisan e bicamerale dell’atto “Protezione dei Diritti Umani durante la Pandemia”

7 maggio 2020 - Oggi per la prima volta gli esponenti peri i Diritti Umani hanno sollecitato l’adozione immediata della '"Protezione dei diritti umani durante la Pandemic Act", legislazione bipartisan, bicamerale (disponibile qui) che imponeva al governo degli Stati Uniti di prendere provvedimenti importanti per rispondere a un'ondata globale di azioni imposte da parte di governi stranieri volti a limitare i diritti umani riconosciuti a livello internazionale sulla scia del COVID-19.

https://www.humanrightsfirst.org/press-release/human-rights-first-urges-swift-passage-bipartisanbicameral-protecting-human-rights// 

 

La legge naturale e l'imperativo dei principi senza tempo.

(di Solène Tadié)

5 maggio 2020 - Il filosofo francese Pierre Manent parla dei danni della moderna ideologia dei diritti umani e chiede un ritorno alla legge naturale per ripristinare la coesione sociale all'interno delle società occidentali.

I sistemi democratici occidentali sono sempre più afflitti da una guerra di diritti individuali che porta a una tirannia delle minoranze rispetto alle maggioranze. Due secoli dopo quanto predetto da Alexis de Tocqueville in “La democrazia in America” (che la democrazia poteva portare a una tirannia della maggioranza attraverso il sistema giudiziario), le nazioni occidentali devono affrontare ora una nuova minaccia, poiché la legge è sempre più progettata per rispondere alle richieste individuali piuttosto che garantire la stabilità delle istituzioni e la coesione sociale. Tale sistema fondato esclusivamente sulla dottrina dei diritti umani favorisce le norme dettate dalle emozioni sulla ragione e la giustizia.

https://www.ncregister.com/daily-news/natural-law-and-the-imperative-of-timeless-principles#When%3A2020-05-5+17%3A49%3A01//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Giornata Internazionale della Stampa: il COVID-19 non deve essere agente patogeno di repressione  

(di Saad Hammadi)

3 maggio 2020 - Con la diffusione di COVID-19, la repressione e la disinformazione hanno generalmente seguito la sua scia. I governi di tutto il mondo si preoccupano da una parte che la pandemia non venga sfruttata da alcuni diffondere pericolose informazioni errate sulla malattia e sulle terapie di cura, così danneggiando potenzialmente gli sforzi per combatterla. Allo stesso tempo, tuttavia, alcuni stessi governi stanno sfruttando questo momento sopprimere le informazioni in grado di arrecare disagio al governo stesso e sembrano utilizzare la situazione come pretesto per annullare le voci critiche.

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/05/covid-19-must-not-be-a-pathogen-of-repression// 

 

Affrontare l'impatto sproporzionato di COVID-19 su donne e bambine

30 aprile 2020 – Donne e bambine, già emarginate dal punto di vista socio-economico in molte società, diventano particolarmente vulnerabili nelle emergenze. A causa della pandemia di COVID-19, le donne e le bambine nei Paesi in via di sviluppo affrontano difficoltà sproporzionate e i progressi compiuti per colmare le lacune esistenti tra i sessi possono vacillare o addirittura annullarsi. Per tale motivo, è importante che le organizzazioni di sviluppo che si occupano di loro mantengano l’attenzione su progetti di inclusione sociale e di genere nel processo di recupero. La pandemia di COVID-19 è una crisi sanitaria che minaccia la sicurezza alimentare e si trasforma in crisi economica mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento, impedendo l'attività agricola e provocando rallentamenti economici. Le donne rappresentano una parte sostanziale dei produttori agricoli e dei gestori delle risorse naturali e tendono ad essere sfruttate in lavori a basso reddito o informali nei settori economici più colpiti dal COVID-19. Oggi, ACDI / VOCA ha pubblicato raccomandazioni di inclusione di genere e sociali per la programmazione e le operazioni interne durante la pandemia, poiché molte organizzazioni mirano a rilanciare il settore agricolo e aiutare i sistemi del mercato economico a funzionare meglio in un nuovo mondo socialmente distante. (...)

https://www.acdivoca.org/2020/04/addressing-the-disproportionate-impact-of-covid-19-on-women-and-girls/  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

 

Economia e sviluppo

(top)

 

FRANCIA - La Fondazione Schneider Electric si unisce a #GivingTuesdayNow, una giornata mondiale di risposta al COVID-19

7 maggio 2020 - Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione e dell'automazione dell'energia, ha annunciato la sua partecipazione a #GivingTuesdayNow, una giornata mondiale di donazione e unità, che si svolgerà il 5 maggio 2020 come risposta di emergenza a un'esigenza senza precedenti causata da COVID-19. Questa giornata è organizzata da GivingTuesday (promossa dalla Fondazione delle Nazioni Unite) e si terrà in aggiunta al GivingTuesday programmato annualmente che si svolgerà ancora il 1 ° dicembre 2020. Questo evento globale mira a ispirare la generosità di base, l'impegno dei cittadini, le imprese e la filantropia attivazione e supporto per le comunità e le organizzazioni no profit in tutto il mondo. #GivingTuesdayNow si concentra sulle opportunità di connessione e gentilezza per restituire alle comunità e alle cause colpite da COVID-19, praticando il distanziamento sociale sicuro. Per celebrare #GivingTuesdayNow, la Schneider Electric Foundation incoraggia dipendenti, fornitori, clienti e partner in tutto il mondo a contribuire al "Tomorrow Rising Fund" lanciato all'inizio di aprile per supportare le attività di risposta alle emergenze e di soccorso post-Covid-19. Questo "Fondo per il risveglio del domani" aiuterà le persone vulnerabili, senzatetto e anziane e le attività di ricostruzione a lungo termine e l'istruzione e la formazione professionale per i più svantaggiati nelle nostre comunità. Dipendenti e partner di Schneider Electric possono essere coinvolti facendo donazioni finanziarie o facendo volontariato. Tutte le donazioni finanziarie saranno abbinate dalla Fondazione Schneider Electric.

The Tomorrow Rising Fund si concentra su tre priorità:

Risposta: parte del denaro raccolto andrà ai più senzatetto, ai senzatetto e alle famiglie alle prese con la povertà, che vivono vicino alle entità Schneider.

Recupero: utilizzo di fondi raccolti per sostenere programmi di istruzione e formazione professionale. Schneider Electric mira a formare 1 milione delle persone più svantaggiate del mondo prima del 2025 come un passo vitale per modellare e ricostruire il futuro delle comunità colpite.

Resilienza: estendendo gli sforzi di raccolta fondi oltre la rete di 130.000 dipendenti di Schneider al più ampio ecosistema di partner e proponendo missioni volontarie digitali. Ogni settimana, i dipendenti Schneider coinvolgono e celebrano colleghi, famiglie e amici che hanno un impatto positivo

https://www.csrwire.com/press_releases/45122-Schneider-Electric-Foundation-Joins-GivingTuesdayNow-a-Global-Day-of-Giving-in-Response-to-COVID-19?tracking_source=rss

 

Nuovo fondo IFAD lanciato per prevenire la crisi alimentare nelle campagne alla luce del COVID-19

20 aprile 2020, Roma - Con la pandemia COVID-19 e il rallentamento economico che minacciano la vita e mezzi di sussistenza delle persone più vulnerabili del mondo, il Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (IFAD) oggi ha impegnato 40 milioni di dollari USA e ha lanciato un appello urgente per ulteriori fondi, a sostegno di agricoltori e comunità rurali per continuare a crescere, produrre e vendere cibo. Il nuovo fondo multi-donatore dell'IFAD, lo strumento di stimolo rurale povero COVID-19, mitigherà gli effetti della pandemia sulla produzione alimentare, sul mercato di accesso e sulla occupazione rurale. Come parte del più ampio quadro di risposta socio-economica delle Nazioni Unite, lo strumento garantirà che gli agricoltori nei paesi più vulnerabili abbiano accesso tempestivo a input, informazioni, mercati e liquidità. Oltre al proprio contributo, l'IFAD mira a raccogliere almeno $ 200 milioni in più dagli Stati membro, fondazioni e settore privato. Con i loro movimenti limitati al fine di contenere un'ulteriore diffusione del virus, molti piccoli agricoltori non sono in grado di accedere ai mercati per vendere prodotti o acquistare input, come semi o fertilizzanti. Anche le chiusure delle principali rotte di trasporto e i divieti di esportazione incidono negativamente sui sistemi alimentari. Poiché intere catene produttive vengono interrotte e la disoccupazione aumenta, cresce di conseguenza la vulnerabilità, che include braccianti “a giornata”, piccole imprese e lavoratori informali, spesso donne e giovani. Il ritorno alle campagne dei lavoratori in uscita dalle città colpite dai blocchi metterà ulteriormente a dura prova le famiglie rurali. Circa l'80% della popolazione più povera e insicura del mondo la gente vive nelle aree rurali. Anche prima dello scoppio della pandemia, oltre 820 milioni di persone soffrivano la fame ogni giorno. Un recente studio dell'Università delle Nazioni Unite ha avvertito che, nel peggiore dei casi, l'impatto economico della pandemia potrebbe spingere un ulteriore mezzo miliardo di persone nella povertà.

https://www.ifad.org/en/web/latest/news-detail/asset/41877895  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Povertà Zero e n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Fame Zero

 

Yunus: un’altra economia è necessaria. Per non ripetere gli stessi errori e salvare il pianeta.

(di Gabriella Canova)

20 aprile 2020 - La ripresa dopo la pandemia può essere un’occasione per non ripetere gli stessi errori che l’hanno causata. In un lungo articolo su Repubblica ne parla Muhammad Yunus, premio Nobel per la Pace 2006 e ideatore del microcredito che ha salvato dalla miseria 2 milioni di persone, l’84% donne.   La domanda che Yunus si pone è: riportiamo il mondo nella situazione nella quale si trovava prima del coronavirus o lo ridisegniamo daccapo? Prima di questo disastro avevamo dei problemi importanti: il cambiamento climatico che incombeva, la forbice sempre più ampia tra i più ricchi e  i più poveri del pianeta. Questioni non da poco, anzi, prevedevano entro pochi decenni che il nostro pianeta sarebbe diventato inabitabile per la maggioranza del genere umano. Cambiare direzione si può. Ora il coronavirus ha fatto tabula rasa e possiamo decidere quale direzione prendere per far ripartire l’economia. Possiamo farlo, questo sistema economico non ci è stato imposto da una divinità come le Tavole della Legge. Possiamo ripensare che “l’economia è uno strumento creato da noi uomini” e come tale può essere ripensato per “arrivare alla massima felicità collettiva possibile”.

https://www.peopleforplanet.it/yunus-unaltra-economia-e-necessaria//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 10 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Ridurre le disuguaglianze

 

 

Solidarietà

(top)

 

Il ruolo della Società Civile nei tempi di crisi

(di Nikhil Dey)

8 maggio 2020 - L'attuale pandemia di COVID-19 ci ha mostrato qualcosa che la maggior parte di noi non ha mai visto nel corso della propria vita: un gran numero di persone che non sono in grado di consumare due pasti al giorno. La tragedia è che il governo ha abbastanza e anche più alimenti per nutrire le persone durante questo periodo; il vero problema è la distribuzione, sia in termini di catene di approvvigionamento rotte, sia per l'insistenza del governo a limitare la distribuzione solo per i beneficiari ai sensi del National Food Security Act (NFSA – Legge per la Sicurezza Alimentare Nazionale), vale a dire i titolari di Carte per le Razioni Prioritarie. Tale approccio è imperfetto perché la NFSA ha molte limitazioni, portando all’esclusione di alcune delle comunità più povere, i nomadi, le comunità Adivasi e i poveri delle città. Inoltre, le Carte Razioni non sono utili ai lavoratori migranti bloccati al di fuori del proprio stato d'origine.

Costruire una rete di società civile. La società civile dovrà costruire una rete che attraversi tutto il paese. Sarà necessario mappare le diverse organizzazioni e i gruppi che forniscono assistenza in ogni distretto, quartiere e villaggio. Sarà possibile farlo perché abbiamo volontari e lavoratori — dal personale sul campo delle organizzazioni no profit agli insegnanti delle scuole governative — in tutto il paese e sappiamo chi possiamo contattare in qualsiasi luogo per qualsiasi informazione o assistenza. Il punto di forza della società civile risiede nel riconoscere e continuare ad essere le piccole unità decentralizzate che si sono assunte la responsabilità di tutta la propria area, identificando il numero di persone nell'area, i soccorsi necessari, le lacune nei soccorsi governativi, le sfide sul campo e altro. Riunendo tali unità e formando una rete, possiamo consentire a ognuna di queste di chiedere aiuto all'altra, come per procurarsi materiale o ricostruire le catene di approvvigionamento. Ancora più importante, la rete può avere una voce a livello nazionale per affermare che tutti hanno diritto a benefici, anche se non sono titolari di Carte di Razione o lavoratori attivi nell'ambito di NREGA.  

http://www.ipsnews.net/2020/05/role-civil-society-times-crisis/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=role-civil-society-times-crisis//

 

Solidarietà euro-africana contro la pandemia: nei laboratori DREAM di Sant'Egidio in Malawi i test per la diagnosi del COVID-19

8 maggio 2020 - Il laboratorio del centro DREAM di Balaka, zona rurale nel centro del Malawi, è da pochi giorni uno dei 7 centri del Paese per ricevere campioni ed eseguire i test per la diagnosi del COVID-19, e sarà al servizio di tutta la regione sudorientale del paese, come ha annunciato il Ministro della Salute Jappie Mhango in conferenza stampa a Lilongwe. È un risultato reso possibile dagli investimenti in risorse umane, formazione e strutture fatto negli ultimi 15 anni, che in una zona così povera e rurale possano funzionare strumenti e apparecchi di laboratorio sofisticati. L’intuizione del programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio è stata quella di comprendere che la sfida della lotta all’AIDS poteva trasformarsi in una chance per riorganizzare e far crescere i fragili sistemi sanitari dei paesi africani, a partire dall’adozione delle migliori tecnologie e protocolli disponibili, per uno standard di cura allo stesso livello dei paesi occidentali.

https://www.santegidio.org/index.php?staticURL=pageID/30284/itemID/35896/langID/it/Solidariet%c3%a0-euroafricana-contro-la-pandemia-nei-laboratori-DREAM-di-Sant-Egidio-in-Malawi-i-test-per-la-diagnosi-del-COVID19.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

ADRA avvia oltre 37 progetti in tutto il mondo per rispondere alla pandemia e per aiutare le comunità a riprendersi

30 aprile 2020, Silver Spring, MD – L’Agenzia Avventista di Sviluppo e Soccorso (ADRA) sta aiutando più di 2,4 milioni di famiglie in tutto il mondo, dove la vita è stata sconvolta dalla pandemia di coronavirus. ADRA ha avviato progetti di risposta al COVID-19 in 37 paesi per sostenere i lavoratori in prima linea, le famiglie a basso reddito, gli anziani e le persone che devono affrontare licenziamenti a seguito della crisi. “ADRA è sul campo dall'inizio dell’epidemia di coronavirus, rispondendo immediatamente e assistendo le aree con più necessità al mondo, aiutando le persone e le comunità ad affrontare le sfide sanitarie, sociali ed economiche senza precedenti causate dal COVID-19. Siamo qui per continuare a sostenere le famiglie vulnerabili, gli operatori sanitari in prima linea e le persone colpite da questa pandemia ", afferma Michael Kruger, Presidente di ADRA ... ADRA ha intensificato le operazioni di emergenza e adattato le proprie infrastrutture di soccorso in caso di calamità in oltre 120 paesi per rispondere alle diverse esigenze dell'epidemia di coronavirus. Le attività di soccorso d'emergenza includono la distribuzione alimentare e la sicurezza, formazione sulla comunicazione sanitaria per i lavoratori in prima linea, spedizioni di forniture mediche agli ospedali che servono le comunità vulnerabili, sforzi per far comprendere l’importanza della prevenzione e assistenza in denaro.

Guarda la risposta globale di ADRA su: https://adra.org/adra-provides-hope-during-coronavirus (...)

https://adra.org/news-release-adra-steps-up-u-s-and-global-covid-19-operations-to-aid-affected-communities-and-frontline-health-workers 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Il WFP attiva un hub umanitario globale in Cina per sostenere gli sforzi contro il CV -19

30 aprile 2020, Pechino - Oggi arriverà la prima spedizione di materiale umanitario, specifico di forniture mediche contro il COVID-19, in un Hub Umanitario Globale a Guangzhou, da dove verrà spedito in altri Hub delle Nazioni Unite in tutto il mondo, nonché direttamente ai paesi e alle regioni interessate. Istituito all'inizio di questo mese dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), con il sostegno del governo cinese, l'hub supporterà la risposta globale all’emergenza COVID-19 insieme alla comunità internazionale, tra cui le Nazioni Unite, i governi nazionali e altri partner umanitari. L'hub fornirà servizi di approvvigionamento strategico e di mantenimento delle scorte, oltre a facilitare lo spostamento di merci umanitarie salvavita nei paesi che affrontano la pandemia. L'hub gestisce anche servizi di aviazione per il trasporto di operatori umanitari. Tale hub fa parte di una rete di hub umanitari globali che il WFP sta istituendo a Liegi (Belgio) e Dubai (Emirati Arabi Uniti), dove vengono fabbricati i rifornimenti – insieme agli hub regionali in Etiopia, Ghana, Sudafrica, Malesia, Panama e Dubai. Questo sistema di hub a rete indirizzerà le linee di carico del personale medico e gli operatori sanitari direttamente in prima linea, con voli tra hub globali e regionali e una flotta di aerei più piccoli pronta a spostare merci e personale nei paesi prioritari. Per avviare rapidamente le operazioni, come soluzione provvisoria, il partner globale del WFP Alibaba è stato selezionato in modo competitivo per fornire servizi di hub commerciali attraverso la rete logistica Alibaba Cainiao.  

https://www.wfp.org/news/wfp-launches-global-humanitarian-hub-china-support-efforts-against-covid-19

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Trasformare delle tende vuote in unità d’isolamento per le comunità che affrontano il COVID-19 in Libano

27 aprile 2020 Fairfield, Connecticut – Dopo aver registrato i casi di COVID-19 tra rifugiati e comunità locali in Libano, Save the Children e i suoi partner stanno ristrutturando un ristorante, una fabbrica e altri sette edifici affinché’ possano essere utilizzati come centri d’isolamento. Stanno anche trasformando le tende vuote degli insediamenti di rifugiati nella valle della Beqa’ in unità d’isolamento, in modo che i pazienti possano auto-isolarsi all'interno dei campi. Migliaia di famiglie vulnerabili sono destinate ad affrontare l'epidemia di coronavirus con pochi mezzi a disposizione, in un paese che sta già soffrendo di una paralizzante crisi economica. Le squadre di Save the Children nella valle della Beqa’, al confine con la Siria, ristruttureranno i nove edifici abbandonati per poi consegnarli al Ministero della Salute, che li trasformerà in strutture sanitarie temporanee per un massimo di 1.000 pazienti COVID-19, libanesi ma anche siriani e rifugiati palestinesi. L'agenzia umanitaria internazionale sta anche trasformando le tende in unità d’isolamento presso 218 insediamenti informali, che ospitano 45.500 rifugiati, e fornirà alle comunità locali informazioni su come gestire un focolaio, in particolare sulle misure igieniche, il monitoraggio dei sintomi, la tracciabilità e l’isolamento dei contatti. Con oltre il 70% dei rifugiati in Libano che vivono al di sotto della soglia di povertà, in condizioni di sovraffollamento, l'autoisolamento è praticamente impossibile. (...)  

https://www.savethechildren.org/us/about-us/media-and-news/2020-press-releases/turning-tents-into-coronavirus-isolation-units-in-lebanon

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Pace e sicurezza

(top)

 

Combattiamo i virus del Covid, del nazionalismo e dell’egoismo

(di Massimiliano Menichetti)

9 maggio 2020 - In occasione del 70° anniversario della Dichiarazione di Schuman, giorno della festa dell’Europa, il cardinale Jean-Claude Hollerich, presidente della Comece, ribadisce la necessità di una grande rete di solidarietà per sconfiggere la pandemia, costruire la pace e non tradire i valori che fondarono il Vecchio continente.  Settant'anni dopo che il ministro degli Esteri francese Robert Schuman diede il primo impulso alla costruzione del progetto europeo, l’arcivescovo di Lussemburgo e presidente della Comece, la Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, il cardinale Jean-Claude Hollerich, sarà a Schengen, città dove nel 1985 fu firmato l'Accordo che regola l'apertura delle frontiere tra i Paesi firmatari. Un segno importante per ribadire la necessità di solidarietà, unità e pace, in questo tempo in cui la pandemia del Covid-19 flagella il mondo. “Abbiamo bisogno di un altro virus, il virus della solidarietà e della carità - ribadisce il porporato ai media vaticani - per capire che l’uomo non vive da solo”, perché “noi possiamo essere “umani” soltanto insieme con gli altri”. La festa dell'Europa celebra la pace e l'unità. Molti sono gli appelli e gli auspici affinché questo continente sappia tornare allo spirito dei Padri fondatori, sappia riscoprire le proprie radici cristiane. Accogliendo le parole del Papa: come si aggiorna l’idea di Europa?

https://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2020-05/hollerich-combattiamo-il-virus-covid-del-nazionalismo-e-egoismo.html//

 

Parliament si unisce a una trasmissuale virtuale su "La rilevanza della pace nell’era post-pandemica”

7 maggio 2020 - Venerdì 15 maggio il Parlamento delle Religioni del mondo si unisce a diversi oratori attraverso una trasmissione virtuale "La rilevanza della pace nell'era post-pandemica" ospitata dalla Fondazione Green Hope tramite Zoom. Il presidente del Parlamento, Audrey Kitagawa, sarà affiancato dal vescovo William Swing (presidente e fiduciario fondatore dell'URI), Jonathan Granoff (ambasciatore speciale del Parlamento e presidente del Global Security Institute), il dott. Iyad Abu Moghli (direttore dell'UNEP Faith For Earth) e Alyn Ware (Coordinatore globale dei parlamentari per la non proliferazione nucleare) in questa trasmissione moderata dal presidente fondatore della Green Hope Foundation, Kehkashan Basu.

https://parliamentofreligions.org/blog/2020-05-07-1910/parliament-join-virtual-broadcast-relevance-peace-post-pandemic-era//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Cooperazione internazionale: niente sarà come prima, ma cominciamo a costruire il "dopo"

(di Giampaolo Silvestri)

27 aprile 2020 - In che modo le organizzazioni della società civile rispondono alla pandemia di corona virus? Come le difficoltà economiche di Covid-19 mettono una stretta sulla società civile. Lo status quo non esiste più. Dopo COVID-19, niente sarà come prima - non in Italia, non in Europa e non per la cooperazione internazionale. Questa situazione richiede una risposta molto diversa da quella a cui ci siamo abituati. È proprio in questi periodi - quando sorge una situazione nuova e senza precedenti - che devono essere elaborate soluzioni non convenzionali. Il consenso generale è che il modo in cui le organizzazioni della società civile (CSO) hanno operato tradizionalmente dovrà cambiare, a partire dall'elaborazione dei progetti. Anche se questa pandemia non discrimina - potenzialmente influenzando allo stesso modo sulla salute di tutti gli individui - sappiamo che le disuguaglianze persistono. E combattiamo ovunque per difendere la dignità della persona. Di conseguenza, i CSO devono continuare ad attuare il loro lavoro in tutto il mondo.

https://www.avsi.org/en/news/2020/04/27/international-cooperation-nothing-will-be-like-before-but-lets-start-b/2045//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra e n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Ripensare la sicurezza internazionale per un mondo post-pandemico

(di Igor Ivanov)

20 aprile 2020 - Per la prima volta a memoria d’uomo, l'umanità sta affrontando una minaccia comune che deve riuscire a sconfiggere collettivamente. È tempo di iniziare a pianificare quando arriverà la vittoria finale. Il virus ci insegna che la gerarchia delle minacce alla sicurezza globale sta cambiando rapidamente e abbiamo a che fare con nemici radicalmente nuovi. Ciò richiede un cambiamento fondamentale nelle nostre priorità di sicurezza. La sicurezza nazionale non dovrebbe più essere definita esclusivamente dalle capacità militari di un paese. Le armi nucleari e altre armi moderne non sono in grado di combattere le pandemie, i cambiamenti climatici, la migrazione incontrollabile e altre sfide affrontate dall'umanità nel suo insieme e da ciascun paese individualmente. Ora vediamo chiaramente che molti dei vecchi strumenti che abbiamo ereditato dai tempi precedenti per garantire la sicurezza sono quasi inutili, consumando semplicemente enormi risorse che potrebbero essere reindirizzate nello sviluppo della scienza, dell'istruzione e della medicina.

https://carnegieendowment.org/publications/81584?utm_source=rss&utm_medium=rss//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

 

Salute

(top)

 

L’imperativo della cittadinanza aziendale durante la crisi

(di Colleen Olphert)

6 maggio 2020 /CSRwire/ - Originariamente pubblicato dal Boston College Center for Corporate Citizenship Da quando l’epidemia di COVID-19 è cominciata all’inizio di gennaio 2020, le società si sono fatte avanti per sostenere le prime risposte e i sanitari professionisti, rimuovere barriere all’assistenza sanitaria e fornire prodotti e servizi a impiegati, clienti e altri che ne presentassero la massima necessità. Tra loro in prima linea, FedEx ha risposto alla domanda di responsabilità sociale nel momento di necessità. FedEx sta utilizzando le sue più forti capacità per rispondere alle necessità critiche durante la crisi – la sua rete logistica e l’esperienza. Con più di 650 velivoli, 180.000 autotreni e 475.000 membri del personale che abbracciano 220 Paesi e territori, FedEx è ben collocata per essere un leader nell’affrontare gli obiettivi globali della pandemia. Infatti supportare gli sforzi per il soccorso e la ripresa correlate al COVID-19 ha senso data la strategia complessiva di FedEx; connettere le persone con beni, servizi, idee e tecnologie allo scopo di creare opportunità che alimentino l’innovazione, diano energia agli affari e potere alle comunità. Mentre gli eventi correlati alla pandemia si stanno ancora dispiegando, le azioni rapide di FedEx finora servono come caso di studio per compagnie che cercano di pensare oltre le linee di base e le buone cause e di più circa come far leva su operazioni chiave e sulle forze degli affari per arrecare realmente un impatto globale. (…)

https://www.csrwire.com/press_releases/45111-The-Corporate-Citizenship-Imperative-During-Crisis

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Giornata mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa 2020

5 maggio 2020 – Celebrare il meraviglioso lavoro dei sanitari e dei volontari in prima linea nella pandemia di COVID-19. Quest’anno noi evidenziamo la Giornata Mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa in circostanze senza precedenti. Nel mondo i sanitari e i volontari si sono mobilitati per rispondere alla pandemia di COVID-19. I sistemi sanitari in molti paesi sono già sotto sforzo con finanziamenti e risorse per le cure sanitarie limitati a causa dell’associarsi tra malattie endemiche, disastri naturali e conflitti prolungati. Poiché la pandemia di COVID-19 si muove verso paesi poveri di risorse e colpiti da conflitti, pone una sfida senza precedenti all’aumento del carico su sistemi sanitari già oberati e il suo impatto sulla popolazione più vulnerabile può essere catastrofico. Noi vogliamo dare voce alla nostra gratitudine per il loro lavoro, e al nostro debito per il loro servizio. Fare quello che fanno non è facile. Comunque, il nostro personale e i volontari vanno avanti.  

https://www.icrc.org/en/document/world-red-cross-and-red-crescent-day-2020//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Coronavirus – Africa: l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS), Programma Alimentare Mondiale (WFP) e l’Unione Africana (AU) inviano forniture critiche mentre il COVID-19 accelera nell’Africa Centrale e Occidentale

5 maggio 2020 – Appena due mesi dopo che il virus COVID-19 è stato riscontrato per la prima volta in Africa, la malattia si è ora diffusa attraverso il continente. Mentre il Sudafrica ha l’epidemia più severa dell’Africa subsahariana, l’Africa centrale e occidentale preoccpano per la crescita: il Camerun ha confermato più di 800 casi, mentre il Niger, la Costa d’Avorio e la Guinea hanno riportato una rapida crescita del numero dei casi nella scorsa settimana. L’OMS sta lavoranto a stretto contatto con il Programma Alimentare Mondiale (WFP), l’Unione Africana (AU), i governi nazionali e la Fondazione Jack Ma per assicurare che le forniture vitali raggiungano la popolazione con la massima necessità: sanitari di prima linea in Africa. Nei due giorni trascorsi otto Paesi hanno ricevuto forniture mediche.

https://www.africanews.com/2020/04/16/coronavirus-africa-world-health-organization-who-world-food-programme-wfp-and-the-african-union-au-deliver-critical-supplies-as-covid-19-accelerates-in-west-and-central-africa//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Coronavirus – Africa: l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS), Programma Alimentare Mondiale (WFP) e l’Unione Africana (AU) inviano forniture critiche mentre il COVID-19 accelera nell’Africa Centrale e Occidentale

5 maggio 2020 – Appena due mesi dopo che il virus COVID-19 è stato riscontrato per la prima volta in Africa, la malattia si è ora diffusa attraverso il continente. Mentre il Sudafrica ha l’epidemia più severa dell’Africa subsahariana, l’Africa centrale e occidentale preoccpano per la crescita: il Camerun ha confermato più di 800 casi, mentre il Niger, la Costa d’Avorio e la Guinea hanno riportato una rapida crescita del numero dei casi nella scorsa settimana. L’OMS sta lavoranto a stretto contatto con il Programma Alimentare Mondiale (WFP), l’Unione Africana (AU), i governi nazionali e la Fondazione Jack Ma per assicurare che le forniture vitali raggiungano la popolazione con la massima necessità: sanitari di prima linea in Africa. Nei due giorni trascorsi otto Paesi hanno ricevuto forniture mediche.

https://www.africanews.com/2020/04/16/coronavirus-africa-world-health-organization-who-world-food-programme-wfp-and-the-african-union-au-deliver-critical-supplies-as-covid-19-accelerates-in-west-and-central-africa//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Gli operatori antipolio distribuiscono sapone e informazioni in lotta contro il COVID-19

Gli Operatori Sociali Antipolio si fanno avanti per aiutare le comunità vulnerabili dell’

Afghanistan

29 aprile 2020 – In risposta alla pandemia di COVID-19, il programma antipolio ha dirottato migliaia di impiegati per combattere il virus. Indirizzando ad altro scopo l’ampia esperienza nell’eradicazione della poliomielite, il programma antipolio sta sostenendo la risposta nel Paese in settori che comprendono la diffusione dell’informazione, la sorveglianza della malattia, comunicazione dei rischi e trattamento dei dati. A Kandahar, un “epicentro del poliovirus” dove il programma ha un significativo numero di personale, i promotori sociali di comunità si sono fatti avanti in marzo per fornire tavolette di sapone e informazione sul COVID-19 ad alcune tra le più povere e più vulnerabili comunità dell’Afghanistan. I promotori sociali sono persone del luogo addestrate per comunicare con il pubblico riguardo specifici temi sanitari in modi che siano comprensibili e incoraggino i comportamenti per proteggere la salute. In Afghanistan l’UNICEF coordina una rete di 3.750 promotori. (…) Appena pochi giorni dopo la decisione di mobilitare le squadre antipolio per la risposta al COVID-19, la squadra di Kandahar ha distribuito migliaia di saponette e materiali educativi sul virus alle comunità nella provincia. Molte delle famiglie servite hanno un accesso limitato a prodotti o strutture per sanitizzazione adeguati. Fornire una saponetta e dare una dimostrazione del suo uso è una forma semplice di misura di prevenzione del COVID-19. Durante la distribuzione, le squadre enfatizzavano l’importanza di continuare l’immunizzazione di routine durante la pandemia, ricordando ai genitori di portare i loro figli presso le strutture sanitarie. Mentre le campagne porta a porta sono interrotte per momento, molti più bambini possono risultare vulnerabili alla poliomielite e ad altre malattie prevenibili con i vaccini se non ricevono vaccinazioni presso le cliniche sanitarie (…)

http://polioeradication.org/news-post/polio-workers-distribute-soap-and-information-in-fight-against-covid-19/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Energia e sicurezza

(top)

 

Siti di energia solare ed eolica mappati per la prima volta a livello globale

(dall’Università di Southampton)

4 maggio 2020 – I ricercatori dell'Università di Southampton hanno mappato le ubicazioni globali dei principali siti di energia rinnovabile, fornendo una risorsa preziosa per aiutare a valutare il loro potenziale impatto ambientale. Il loro studio, pubblicato sulla rivista Nature Scientific Data, mostra dove i parchi solari ed eolici hanno sede in tutto il mondo, dimostrando sia la densità delle loro infrastrutture in diverse regioni sia la loro potenza approssimativa. È il primo set di dati globale ad accesso aperto di siti generatori di energia eolica e solare. (...)

https://www.sciencedaily.com/releases/2020/05/200504150215.htm

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

COVID-19: In un contesto di "calo della domanda di energia" le energie rinnovabili invece crescono

30 aprile 2020 – Le fonti di energia pulita dovrebbero prevalere sino a raggiungere il 40% della produzione globale di elettricità nel 2020, afferma l’AIE. Secondo un nuovo rapporto dell'Agenzia internazionale dell'energia (AIE), le fonti rinnovabili di energia elettrica sono destinate a essere l'unica fonte di energia che crescerà nel 2020, nel contesto generale di un calo della domanda di energia derivante dalla pandemia globale di coronavirus. Dopo aver sorpassato il carbone per la prima volta nel 2019, le fonti rinnovabili e le fonti di elettricità a basse emissioni di carbonio sono destinate quest'anno a diventare prevalenti sino a raggiungere il 40% della produzione globale di elettricità.

https://renews.biz/59992/covid-19-renewables-grow-amid-plunging-energy-demand/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

La crisi di Covid-19 spazzerà via la domanda di combustibili fossili, afferma l'AIE

(di Jillian Ambrose)

30 aprile 2020 - Secondo il “cane da guardia” mondiale dell'energia, l'elettricità rinnovabile sarà l'unica fonte resiliente al più grande shock energetico globale degli ultimi 70 anni, innescato dalla pandemia di coronavirus. (...) Il costante aumento delle energie rinnovabili combinato con il crollo della domanda di combustibili fossili comporta che quest'anno l'elettricità pulita avrà un ruolo più importante di sempre nel sistema energetico globale e contribuirà a cancellare un decennio di crescita delle emissioni globali di carbonio.

https://www.theguardian.com/business/2020/apr/30/covid-19-crisis-demand-fossil-fuels-iea-renewable-electricity

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

AMERICAN WIND ENERGY ASSOCIATION - ASSOCIAZIONE AMERICANA PER L'ENERGIA EOLICA – L'industria eolica americana chiude bene il primo trimestre

30 aprile 2020 – Nonostante le incertezze dovute all'epidemia del COVID-19, l'industria eolica americana ha iniziato bene l'anno con i primi tre mesi del 2020 che hanno registrato un record nella costruzione e nell'attività di fornitura di energia. Il rapporto dell'Associazione Americana per l'Energia Eolica (AWEA) ha rivelato che gli sviluppatori del progetto hanno installato più del doppio della capacità eolica nei primi tre mesi del 2020 rispetto al primo trimestre del 2019. Gli sviluppatori hanno anche iniziato la costruzione di un impianto da 4.124 MW di energia eolica, portando il totale dell'attività a 24.690 MW.

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=831272&cat=;141;88&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

L'accordo verde "potrebbe far ripartire l'economia europea" – Un organismo UE afferma che gli investimenti nell'energia pulita potrebbero favorire la ripresa post COVID-19

28 aprile 2020 – La Federazione europea delle energie rinnovabili (EREF) ha esortato l'Europa a intensificare gli sforzi per decarbonizzare, anche nel mezzo della pandemia di COVID-19. (...) Nella sua dichiarazione, l'EREF ha esortato i leader mondiali a "legare intrinsecamente" alle iniziative del Green Deal i pacchetti di stimolo di recupero e a riavviare le economie con un focus sulla distribuzione di energie rinnovabili in tutti i settori. L'organismo ha affermato che l'integrazione dello stimolo economico e del Green Deal comporterebbe investimenti diretti in soluzioni non solo innovative ma anche neutre in termini di emissioni di carbonio.

https://renews.biz/59952/europe-must-use-green-deal-to-restart-economy/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 7 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Energia pulita e accessibile

 

 

Ambiente e natura

(top)

 

Un'opportunità cruciale per cambiare dopo la pandemia del COVID-19

Un messaggio dal Direttore Generale Internazionale del WWF Marco Lambertini rivolto ai donatori e ai partner di tutto il mondo.

6maggio 2020 – Vi scrivo in questa giornata con un profondo senso di tristezza in merito agli effetti dell'attuale crisi causata dal COVID-19 – ma al tempo stesso voglio darvi un messaggio di speranza affinché possiate rispondere a questo mio appello. Insieme possiamo imparare molto dalla realtà che siamo costretti ad affrontare, tracciando un percorso sostenibile verso un futuro più stabile, prospero e salutare per tutti. Ovviamente stiamo tutti affrontando dei tempi difficili. Lo scoppio dell'emergenza COVID-19 ci ha preso in contropiede: molte vite sono andate perdute, le persone sono rimaste isolate, le risorse ne hanno risentito pesantemente e le economie sono precipitate. Posso offrire tutta mia più sentita empatia e compassione a chi ha sofferto per le tragiche e terrificanti conseguenze causate dalla pandemia – e un mio sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato nell'ambito sanitario che hanno messo la loro vita in prima linea, così come tutte le altre persone che, a discapito dei rischi, hanno continuato a lavorare dall'approvvigionamento alimentare a tutti gli altri servizi utili e necessari. Comprendo bene le spesso caotiche conseguenze di questa crisi che ha richiesto capi di livello per farci sentire in mani sicure. E noi del WWF siamo stati fortunati ad avere molte persone così tra di noi e con i nostri partner, che da decenni affrontano con fermezza le crisi del cambiamento climatico e le perdite a livello ambientale e naturale. Questa fonte inesauribile di esperienza insieme allo spirito di collaborazione del WWF – quello che noi insieme chiamiamo “insieme è possibile” - si impegna a continuare il nostro lavoro di conservazione della natura ovunque possibile. Probabilmente vi sarete sentiti rincuorati davanti alle scene della fauna selvatica avventurarsi per le città deserte, ma gli effetti di questa pandemia sulla conservazione delle specie in tutto il mondo, così come molto altro, sono stati anche dannosi – da limitare gli sforzi più difficili fatti per preservare la fauna selvatica, ai drastici cali delle entrate turistiche basate sulla natura su cui fanno affidamento molte aziende e comunità. Ma il rischio più grande è non imparare quello che questa crisi sta ovviamente cercando di dirci. (…)

https://updates.panda.org/a-crucial-opportunity-for-change-following-the-covid-19-pandemic 

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

INTERNATIONAL RENEWABLE ENERGY AGENCY – AGENZIA INTERNAZIONALE PER L'ENERGIA RINNOVABILE – La Coalizione per l'Azione di IRENA chiede un recupero ecologico basato sulle energie rinnovabili

5 maggio 2020 Il COVID-19 sta seriamente mettendo a dura prova le comunità e i mezzi di sussistenza a loro disposizione, per questo sono necessarie delle risposte rapide ed efficaci per contenere gli effetti a lungo termine della crisi. Più di 100 importanti nomi nel campo delle energie rinnovabili hanno risposto alla chiamata e si sono riuniti sotto IRENA Coalition for Action così da redigere un piano concreto sulle regole che i governi dovranno seguire per garantire una ripresa economica duratura che si allinei con gli obiettivi per la sostenibilità climatica. La recente prospettiva globale sulle energie rinnovabili di IRENA rileva che allineare gli sforzi per la ripresa post COVID-19 con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi e dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile richiederà dei piani politici completi, un'ingente mobilitazione delle risorse e una cooperazione internazionale rafforzata che porterebbe però a un notevole guadagno socio-economico a livello globale.

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=831653&cat=;91;90&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

Gli ecovillaggi propongono ascolto e pratiche di condivisione per superare questa crisi

(di Cristina Diana Bargu)

22 Aprile 2020 - Ascolto e sostegno reciproco, meditazioni e letture, condivisioni a distanza di saperi e di pratiche. Queste alcune delle prime proposte in arrivo dagli ecovillaggi italiani, mentre prende il via la riflessione collettiva sul futuro post-covid, da costruire all’insegna dell’ecologia, della giustizia sociale e dell’inclusività.

https://www.italiachecambia.org/2020/04/ecovillaggi-propongono-ascolto-pratiche-di-condivisione//

 

 

Religione e spiritualità

(top)

 

ASIA/MYANMAR - 14 maggio, Giornata di preghiera per chiedere la fine della pandemia e della guerra

8 maggio 2020 - Yangoon (Agenzia Fides) - Una preghiera speciale per chiedere la guarigione dal coronavirus e la fine della guerra nel paese: con questo spirito, la Conferenza episcopale cattolica del Myanmar ha annunciato la sua partecipazione alla "Giornata di preghiera, di digiuno e di opere di beneficenza", indetta a livello universale dall'Alto Comitato per la Fraternità umana, per implorare Dio di aiutare l'umanità a superare la pandemia di coronavirus. L'appello è stato rilanciato da Papa Francesco e dal Grand Imam di Al Azhar, lo sceicco Ahmed al Tayyeb. Purtroppo in molti paesi, come il Myanmar, la pandemia si combina con la parola guerra.

http://www.fides.org/en/news/67878-ASIA_MYANMAR_Day_of_prayer_on_May_14_to_ask_for_an_end_to_the_pandemic_and_war//

 

Covid-19, Appello interreligioso all'azione

8 maggio 2020 - Le tradizioni religiose e spirituali del mondo condividono valori comuni che hanno risuonato in tutto il mondo in mezzo alla pandemia di COVID-19. Questi valori stanno unendo l'umanità, dal villaggio più remoto e dalle comunità di base ai leader più anziani. Ogni tradizione spirituale sostiene il valore e la dignità innata in ogni persona. In tempi dominati dalla confusione e dalla paura, le diverse tradizioni di fede invitano tutte le persone a prendersi profondamente cura l'una dell'altra promuovendo la pace, la speranza e la solidarietà all'interno e all'esterno delle loro comunità.

https://rfp.org/an-interfaith-call-to-action//

 

Il Parlamento co-sponsorizza il Servizio Nazionale di Preghiera Interreligiosa per la Guarigione e la Speranza

7 maggio 2020 - Il Parlamento delle religioni del mondo insieme a Religions for Peace USA, Temple of Understanding, North American Interfaith Network (NAIN), United Religions Initiative (URI), Temple of Ara, Faith in Public Life, The Interfaith Observer, Il Consiglio dei rabbini di New York, la Tri-Faith Initiative, il Centro interreligioso di New York e i Baha'i degli Stati Uniti hanno partecipato all'osservanza annuale della Giornata nazionale di preghiera degli Stati Uniti del 7 maggio.

https://parliamentofreligions.org/blog/2020-05-07-1339/parliament-co-sponsors-national-interfaith-prayer-service-healing-hope//

 

Gli ordini monastici e il coronavirus, le Brigidine proseguono la loro missione apostolica

(di Alberto Carosa)

7 Maggio 2020 - La vita monastica, svolta tra preghiera e lavoro all'interno della comunità, non ci fa sentire molto lo stato di emergenza, anche perché in genere non uscivamo se non per necessità. Così è infatti delineato il nostro tipo di vita, come quello della casa di Nazareth, che la Santa Madre Elisabetta Hesselblad volle dare a noi a modello della nostra vita quotidiana: "preghiera, lavoro e sacrificio". Il nostro tipo di vita ci permette di vivere insieme le Ore liturgiche della Chiesa, distribuite nell'arco della giornata: Lodi mattutine, Ufficio delle Letture, Ora Media, preghiera dei Vespri e Compieta, oltre alla Celebrazione Eucaristica, all'Adorazione e alla meditazione; le sorelle quindi sono in preghiera per circa 5 ore al giorno. Siamo consapevoli dell’immenso valore della preghiera per implorare l'aiuto del Signore e la salvezza delle anime.

https://www.acistampa.com/story/gli-ordini-monastici-e-il-coronavirus-le-brigidine-proseguono-la-loro-missione-apostolica-14126//

 

Covid -19, prime adesioni dei leader mondiali alla Preghiera per l'umanità

5 maggio 2020: stanno iniziando ad arrivare autorevoli adesioni di leader politici - in particolare quelli mediorientali - e rappresentanti di organismi internazionali in merito all'appello promosso in questi giorni dal Comitato superiore per la fraternità umana, che ha annunciato una giornata di preghiera, digiuno e supplica di chiedere a Dio di proteggere l'umanità dalla pandemia di coronavirus. L'appello, rilanciato immediatamente da papa Francesco e dal Grand Imam di Al Azhar, lo sceicco Ahmed al Tayyeb, è stato accolto con "gioia" a nome di tutto il popolo palestinese da M.Abbas, presidente della Palestina. Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, il portoghese Antonio Guterres, ha espresso la sua adesione via twitter all'appello del Comitato per la Fraternità umana. "In tempi difficili" recita il messaggio diffuso da Guterres "dobbiamo stare insieme per la pace, l'umanità e la solidarietà. Il Comitato superiore per la fraternità umana, presieduto dal cardinale Miguel Angel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, è stato istituito per ultimo Agosto, pochi mesi dopo l'incontro ad Abu Dhabi (4 febbraio 2019), durante il quale papa Francesco e il grande imam di Al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb, hanno firmato il "Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza comune" Il Comitato superiore, istituito per promuovere gli obiettivi e il contenuto del documento di Abu Dhabi, è attualmente composto da otto membri, tra cui M. Bruce Listig, rabbino senior della congregazione ebraica di Washington.

http://www.fides.org/en/news/67855-ASIA_MIDDLE_EAST_Covid_19_first_accessions_of_world_leaders_to_the_Prayer_for_Humanity

 

ASIA/INDIA - I leader religiosi uniti per combattere il Covid-19; uno stato indiano sovvenziona le comunità religiose

4 maggio 2020 - Hyderabad (Agenzia Fides) -  In India i leader religiosi si uniscono per combattere il Covid-19: all'Agenzia Fides è giunta la notizia che i leader religiosi di diverse fedi (indù, cristiani, musulmani, sikh) e varie organizzazioni interreligiose hanno stretto un accordo di collaborazione per aiutare a contenere la diffusione del Covid-19 in India. In una dichiarazione congiunta, inviata all'Agenzia Fides, le organizzazioni affermano di "voler svolgere un ruolo costruttivo per il bene comune unendo persone di tutte le fedi". I leader intendono "parlare con una sola voce", concentrando gli sforzi sul servizio e sull'unità mentre il paese affronta la pandemia. Il testo dice che le religioni mirano a "evitare il pregiudizio, il senso di esclusione, la superstizione e il fanatismo diffusi in nome della religione", consentono che prevalga "l'approccio scientifico per combattere il virus", pur continuando nel proprio impegno spirituale e materiale. "La religione è probabilmente il mezzo più potente per mobilitare la coscienza umana a servire il bene comune: ci uniamo come un'unica forza per dare slancio all'azione per superare la pandemia".

http://www.fides.org/en/news/67836-ASIA_INDIA_Religious_leaders_united_to_fight_Covid_19_an_Indian_state_subsidizes_religious_communities//

 

 

Cultura e educazione

(top)

 

Non abbiate paura

(di Federico Lombardi)

9 maggio 2020 - Il mondo è pieno anche di buone notizie. È un dovere riconoscerle e farle conoscere, perché sono quelle che guidano più lontano e indirizzano lo sguardo verso l’alto. “Non temere! Perché io sarò con te!”. Sono parole che tornano molte volte attraverso tutte le Scritture. Sono le parole rivolte da Dio stesso o in suo nome a chi viene chiamato da lui a una missione impegnativa e inattesa, per vie ancora sconosciute, come Mosè davanti al roveto ardente o Maria davanti all’Angelo. “Non abbiate paura!”. Sono parole rivolte dai profeti al popolo oppresso dall’angoscia, come quando è stretto senza vie d’uscita fra il Mar Rosso e i carri da guerra degli Egiziani. Anche Gesù le riprende varie volte rivolgendosi ai suoi discepoli, al “piccolo gregge” che lo segue, o a coloro che subiranno persecuzioni per il suo nome. Per questi Gesù insiste che non dovranno temere nessuna forza umana, perché questa può togliere la vita del corpo ma non quella dell’anima e perché nel tempo della prova Dio non li abbandonerà. La grande parola “Non abbiate paura!”, come ricordiamo bene, è stata ripresa con insistenza in tempi più vicini a noi da San Giovanni Paolo II fin dall’inizio del suo pontificato e rivolta al mondo intero: “Non abbiate paura! Aprite le porte a Cristo!”. In fondo, la fede in Cristo salvatore è proprio – per tutti - la grande e definitiva liberazione dalla paura. La pandemia, anche quando sia superata stabilmente grazie a un vaccino efficace, ci lascerà in ogni caso un’eredità di insicurezza, diciamo pure di nascosta paura, pronta a riaffiorare. Ora sappiamo che, nonostante ogni sforzo e ogni giusto impegno per la riduzione dei rischi, potranno comparire e sfuggire al controllo altri virus o altre forze capaci di prenderci di sorpresa e mettere in crisi le nostre tranquillità e le nostre sicurezze. Perché la sicurezza assoluta su questa terra non esiste, non è possibile. E non esisterà mai anche in futuro. Certamente dobbiamo aspettarci dalla scienza e dalla organizzazione sociale e politica, in generale dalla ragionevolezza umana, un aiuto essenziale per recuperare la tranquillità necessaria per una vita personale e sociale serena e “normale”. Ma rimane il bisogno di qualcosa di più profondo per cui queste risposte non bastano.

https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2020-05/non-abbiate-paura-padre-federico-lombardi-oltre-crisi.html//

 

Essere ed insegnare ai tempi del coronavirus

8 maggio 2020 - Gli insegnanti dell’Istituto Sansepolcro hanno partecipato a un incontro online per riflettere su come riorganizzare la didattica e comunicare con gli alunni in questo periodo delicato.  Le attività del progetto “Piccoli che Valgono!” sono proseguite anche durante la quarantena e il 23 marzo l’Associazione Il Timone ha realizzato un incontro online rivolto agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto Sansepolcro, in modo da fornire spunti di riflessione e strumenti pratici per riorganizzare positivamente la propria vita e il rapporto con gli alunni.

https://www.manitese.it/essere-ed-insegnare-ai-tempi-del-coronavirus//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Settimana Mondo Unito: siamo "In tempo per la pace", nulla ci può fermare

(di Adriana Masotti)

7 maggio 2020 - La Settimana Mondo Unito è una sorta di expo’ internazionale che vuol mostrare storie, azioni, iniziative che, in ogni parte del mondo, contribuiscono a realizzare tra le persone e i popoli la fraternità, l’unità e la pace. Lanciato dai giovani del Movimento dei Focolari l'evento, quest'anno in versione online, a causa dell’epidemia del Covid-19, è promosso in collaborazione con diverse altre realtà associative e si svolge dal 1 al 7 maggio. L'evento è stato trasmesso dal sito web www.unitedworldproject.org e attraverso i social collegati, così per giovani e adulti di circa 70 Paesi è stato possibile seguire, momento per momento, ciò che stava avvenendo in Italia, o negli Usa, in Australia o nella Repubblica Democratica del Congo e ancora a Concepcion in Cile, a Ho chi Minh in Vietnam, a Vancouver in Canada, in varie regioni della Nigeria, a Prienai in Lituania, fino a Seúl in Corea. Lanciata dai giovani del Movimento dei Focolari nel maggio del 1995, l’iniziativa vede la partecipazione di tanti altri movimenti, associazioni, istituzioni, comunità che operano per la pace e la fraternità fra i popoli.

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2020-05/settimana-mondo-unito-giovani-focolari-pandemia-unita-pace.html//

 

Dalla parte della Terra. Boff, il mondo dopo il coronavirus.

(di Pierluigi Mele)

4 Maggio 2020 - Quale progetto per ricostruire il “mondo post-coronavirus”? Quali priorità? Di seguito pubblichiamo una interessante riflessione del teologo brasiliano Leonardo Boff.

“Molti l’hanno predetto chiaramente: dopo il coronavirus, non sarà più possibile continuare il progetto del capitalismo come modo di produzione, né del neoliberismo come la sua espressione politica. Il capitalismo è buono solo per i ricchi; per il resto è un purgatorio o un inferno, e per la natura, una guerra senza tregua.  Ciò che ci sta salvando non è la concorrenza – il suo principale motore – ma la cooperazione, né l’individualismo – la sua espressione culturale – ma l’interdipendenza di tutti e tutte con l’umanità intera.  Ma andiamo al punto centrale: abbiamo scoperto che il valore supremo è la vita, non l’accumulo di beni materiali. L’apparato bellico che abbiamo, capace di distruggere più volte la vita sulla Terra, si è rivelato ridicolo di fronte a un invisibile nemico microscopico che minaccia tutta l’umanità. Potrebbe essere il Next Big One (NBO) che i biologi temono, “il prossimo grande virus” che distruggerà il futuro della vita? Non lo pensiamo. Speriamo che la Terra abbia ancora compassione per noi e ci stia dando solo una sorta di ultimatum.”

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/boff-il-mondo-dopo-il-coronavirus-799092f7-1898-4bce-a334-cae3ffd1aa2a.html//

 

Ripensare il mondo in chiave interculturale

(di Marco Emanuele)

3 maggio 2020 - La frontiera della politica è nell’interculturalità, nel (ri)congiungimento strategico e dialogale, certo anche dialettico e conflittuale, delle infinite storie che si confrontano tra competizioni e cooperazioni, tra inclusioni e scarti, tra integrazioni e disintegrazioni. Ripensare il mondo in chiave interculturale non significa mettere insieme le differenze ma, al contrario, cambiare prospettiva. Interculturalità fa rima con inter-in-dipendenza, collocando le differenze sul piano non omologante del loro “abbandonarsi” per (ri)trovarsi nell’altro che portano dentro. Non esiste la purezza dell’essere differenti ma la “potenziale possibilità” dell’esserlo in un “vincolo virtuoso” che non penalizza ma valorizza, che non omologa ma (ri)crea. L’inter-in-dipendenza è un mosaico interculturale laddove ciò che lo lega è il respiro del tutto in ogni parte e di ogni parte nel tutto. Osservando politicamente, è il “comune” che si fa storia.

https://formiche.net/2020/05/ripensare-mondo-chiave-interculturale//

 

 

* * * * * * *

(top)

 

 

 

Good News Agency è pubblicata mensilmente (tranne agosto) con traduzioni a sua cura. Tutti i numeri precedenti sono disponibili al sito http://www.goodnewsagency.org. Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 265-2000 del 20.6.2000. Iscrizione al R.O.C n. 11060 del 16.2.2005.

Direttore responsabile ed editoriale: Fabio Gatti (fabio.gatti@goodnewsagency.org). Ricerche editoriali: Fabio Gatti, Isabella Strippoli, Elisa Minelli, Salvatore Caruso Motta, Chiara Damilano, Francesco Viglienghi, Carlo Toraldo, Andrea Landriscina, Nazzarena Franco. Traduttori: Silvia Ansaloni, Arianna Ciocca, Eleonora Ferrante, Chiara Gessi, Giuliano Giannone, Pamela Mariotti, Ilaria Nannini, Paolo Pagin, Martina Parovel, Manuela Sassi, Isabella Strippoli, Simona Valesi. Webmaster e copertura media e ONG: Simone Frassanito (simone.frassanito@goodnewsagency.org). 

 

Good News Agency è distribuita gratuitamente nel mondo per via telematica a media e giornalisti redazionali della stampa quotidiana e periodica, della radio e della televisione, a ONG e associazioni di servizio, a scuole superiori e università e ad oltre 26.000 Rotariani.

 

È un servizio di puro volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, fondata nel 1979, ente morale con D.M. 24-5-1999 pubblicato sulla G.U. n. 135 dell’11-6-1999. L’Associazione opera per lo sviluppo delle coscienze e promuove una cultura della pace nella prospettiva del ‘villaggio globale’ basato sull’unità nella diversità e sulla condivisione.  

L’Associazione ha sede in Roma, Piazzale degli Eroi 8. È iscritta al Registro della Regione Lazio delle associazioni di promozione sociale, alla World Association of Non Governmental Organizations (WANGO) e alla Union of International Associations (UIA).

 

* http://decade-culture-of-peace.org/2010_civil_society_report.pdf Nella sezione A, Organizzazioni Internazionali, pag. 12, il Rapporto dice: “La diffusione e lo scambio dell’informazione di una cultura di pace tramite Internet è diventata il principale strumento per diverse organizzazioni internazionali, tra cui spiccano Culture of Peace News Network, Good News Agency e  Education for Peace Globalnet.”